Barcellona PG, il 30 luglio confronto tra Palamara e Morra sulla riforma della Giustizia

Screenshot 20220720 121237 FacebookIl prossimo 30 luglio alle ore 18:30, a Cannistrà – Stretto Limina di Barcellona Pozzo di Gotto, presso l’azienda Ararat, si terrà la presentazione del libro “Lobby e Logge” che segue a ruota il best seller “Il Sistema”, firmato da Alessandro Sallusti con Luca Palamara, che ha svelato i meccanismi interni che governano la macchina della giustizia, mettendone a nudo, senza ipocrisie, i segreti più inconfessabili.

Un evento in presenza per ascoltare la voce di due protagonisti, il racconto al centro del Caso Palamara, l’inchiesta della Procura di Perugia che ha messo a nudo le pratiche lottizzatorie per le nomine ai vertici dei Tribunali italiani, che si è saldata a doppio filo con due storie giudiziarie partite dalla Sicilia: il Caso Amara e il Caso Montante, filoni giudiziari ancora aperti.

In questo contesto, si rifletterà inoltre sulla recente riforma della giustizia portata avanti dal ministro Marta Cartabia

che ha ridefinito i criteri di selezione e di nomina dei componenti, togati e non, del Consiglio superiore della Magistratura che saranno presto chiamati alle urne per rinnovare l’organo di autogoverno dei giudici in Italia.

L’inchiesta della Procura di Perugia sul conto di Luca Palamara che è accusato di avere pilotato la nomina di tante cariche giudiziarie in Italia, si è rivelata anche un processo alla stessa magistratura chiamata a indagare su se stessa e sulla selezione della sua classe dirigente che ha costretto i novemila magistrati italiani a un caso di “autoanalisi collettiva” sul ruolo della giurisdizione. Nicola Morra, nella qualità di presidente nazionale della commissione antimafia, ha avviato una serie di indagini conoscitive sul fenomeno delle mafie e delle massonerie che ammorbano da anni il sistema Italia, puntando l’attenzione sulle logge deviate che, in violazione della legge Anselmi, continuano a condizionare la pubblica amministrazione, saldando i propri interessi con le organizzazioni criminali.

Enzo Basso, autore di due libri inchiesta sulla Giustiziamara, dibatterà con Luca Palamara e con Nicola Morra, veicolando le domande dei giornalisti e il dibattito pubblico.


Carmelo Amato

Il giornalismo è la sua ragione di vita. Indistruttibile, infaticabile, instancabile, riesce a essere sul posto “prima ancora che il fatto succeda”. Dalla cronaca nera allo sport nulla gli sfugge. È l’incubo degli amministratori comunali, che se lo sognano anche di notte e temono i suoi video e i suoi articoli nei quali denuncia disservizi e inefficienze e dà voce alle esigenze dei suoi concittadini.