Barcellona PG, estorsione ai danni dei dipendenti: assolto l’imprenditore Immacolato Bonina

MESSINA. I giudici della Corte di Appello di Messina hanno assolto l’imprenditore  Immacolato Bonina  dal reato di estorsione in relazione alla posizione di 6 lavoratori dipendenti di SBM srl all’epoca dei fatti titolare dell’IPERSIGMA di Messina. In primo grado Bonina era stato condannato alla pena di anni cinque e mesi tre di reclusione ed euro 2.500,00 di multa, oltre le sanzioni accessorie ed il risarcimento del danno alla parte civile Mangano Salvatore previo il riconoscimento di una provvisionale di € 5.000,00.
La Corte di Appello, esaminando nel merito la questione, ha ritenuto infondate le accuse nei confronti di Bonina, evidenziando come dall’esame delle stesse buste paga prodotte dal PM in primo grado emergesse l’esatta coincidenza tra quanto corrisposto al lavoratore e quanto indicato nelle buste paga. I giudici hanno anche revocato tutte le statuizioni civilistiche emesse in favore della parte civile. Bonina è stato difeso dai legali Antoniele Imbesi e Francesco Aurelio Chillemi.

Carmelo Amato

Il giornalismo è la sua ragione di vita. Indistruttibile, infaticabile, instancabile, riesce a essere sul posto “prima ancora che il fatto succeda”. Dalla cronaca nera allo sport nulla gli sfugge. È l’incubo degli amministratori comunali, che se lo sognano anche di notte e temono i suoi video e i suoi articoli nei quali denuncia disservizi e inefficienze e dà voce alle esigenze dei suoi concittadini.

Un pensiero su “Barcellona PG, estorsione ai danni dei dipendenti: assolto l’imprenditore Immacolato Bonina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *