Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Aeroporto Trapani Birgi, si torna a volare su Roma con la compagnia spagnola Albastar

TRAPANI. Il flash mob all’aeroporto Vincenzo Florio di Trapani Birgi ha dato i suoi frutti. Torna infatti il volo quotidiano per Roma Fiumicino, cancellato da Alitalia nei giorni scorsi e riattivato tempestivamente dal management di Airgest, società di gestione dello scalo grazie alla compagnia aerea spagnola Albastar, già presente con le rotte per Cuneo e Milano Malpensa. Centinaia fra cittadini, autorità e rappresentanti di varie associazioni trapanesi, da quelle più strettamente legate al turismo a quelle che operano nel mondo del sociale e della salute, hanno preso parte al volo simbolico degli aeroplanini a Birgi. Le tariffe dei biglietti in vendita dal 18 giugno saranno low cost e ci sarà una tariffa concorrenziale per chi è stato lasciato a terra da Alitalia, che potrà chiedere il rimborso del biglietto e partire ugualmente da Trapani. La presidentessa della compagnia spagnola, con sede anche a Catania, oltre che a Palma Di Maiorca, Milano e Bergamo, Daniela Caruso ha anticipato che si sta lavorando per basare, a breve, un aeromobile a Trapani, un Boeing 737-800 da 189 posti in classe unica, e subentrare anche nella tratta verso Milano Linate. Ad agosto si potrà inoltre raggiungere Lourdes, via Roma, con lo stesso biglietto. “La notizia è doppiamente positiva – ha affermato il presidente di Airgest Salvatore Ombra – non solo perché, dopo l’abbandono di Alitalia un’importante tratta è stata subito riattivata, ma anche e soprattutto perché volerà in orari più consoni per professionisti e turisti stessi, con partenza la mattina presto e rientro la sera, punto su cui avevamo esortato la vecchia compagnia, senza risposta. Adesso il territorio deve rispondere volando e acquistando i biglietti, visto che non vivono di finanziamenti statali”. Ed è stata proprio la nuova fascia oraria del Trapani-Roma a entusiasmare le centinaia di partecipanti alla manifestazione, presente persino una delegazione di Bagheria, con tanto di bandiere della Trinacria, per esprimere la propria solidarietà all’aeroporto di Trapani per le ingiustizie subite, nel nome di una Sicilia unita. Prima del volo simbolico degli aeroplanini di carta tricolore, davanti alla sede dell’aeroporto di Trapani Birgi, durante il momento di confronto pubblico, da parte del management di Airgest sono arrivate alcune richieste rivolte al Governo nazionale per aiutare lo scalo a riprendere il proprio progetto di rilancio. In generale è stata chiesta una maggiore attenzione per i piccoli aeroporti, la concretizzazione del provvedimento che sospende l’addizionale comunale, promesso dal sottosegretario Giancarlo Cancellieri, un’impostazione delle politiche di settore meno “Alitaliacentriche” e, ancora, il ristoro dei danni da chiusura. A intervenire oltre al presidente di Airgest sono stati il deputato Eleonora Lo Curto in rappresentanza della Regione siciliana, il presidente  della Camera di commercio di Trapani Pino Pace, quello dell’associazione industriali Gregory BongiornoRosalia D’Alì del Distretto turistico e i sindaci di Trapani Giacomo Tranchida e di Marsala Alberto Di Girolamo, in rappresentanza dei sindaci di quasi tutti i Comuni del comprensorio trapanese presenti all’incontro insieme ai segretari dei maggiori partiti politici e ai sindacati, per la CISL Palermo Trapani il segretario Leonardo La Piana, UIL Trapani Eugenio Tumbarello e Giuseppe Tumbarello della UIL trasporti Trapani e, ancora, Filippo Cutrona segretario generale CGIL Trapani. Per il territorio sono intervenuti Caterina Loria del comitato “Se volo resto”, Fabio Lo Bono di Confesercenti e Rosi Napoli presidente dell’Associazione ristoratori trapanesi.