Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

24 maggio 10.55 Conclusa la tournée di “Trovarsi”. Ministeri: “Insopportabili problemi economici, cercheremo di resistere”

Si è conclusa la tournèe di “Trovarsi”, uno dei testi più appassionati ed autobiografici di Luigi Pirandello è tornato sui palcoscenici italiani con la regia di Enzo Vetrano e Stefano Randisi e l’eccellente interpretazione di una grande attrice come Mascia Musy, nei panni di Donata Genzi, affiancata da Angelo Campolo (nel ruolo del giovane Elj), Giovanni Moschella (lo zio, il conte Mola), Antonio Lo Presti (Giviero), Ester Cucinotti, Marika Pugliatti, Monia Alfieri e Luca Fiorino.

L’interpretazione della Musy le è valsa la nomination come miglior attrice al premio “Le Maschere del Teatro Italiano 2012”, la cui cerimonia di consegna avverrà il 6 settembre 2012, trasmessa su RaiUno dal teatro San Carlo di Napoli.

E proprio Napoli è una delle città che ha tributato grande successo di pubblico e critica allo spettacolo, andato in scena per due settimane al teatro Mercadante, proseguendo la tournèe cominciata a Pistoia, e proseguita a Cesena, Castelfranco Emilia, Crotone, Noto e conclusasi allo Stabile di Catania.

Lo spettacolo, nella lettura di Enzo Vetrano e Stefano Randisi, supera la matrice realistica e si apre a possibili squarci su altre dimensioni e visioni, per una riflessione più ampia sul teatro, sulla vita e sulla vecchiaia.

Donata Genzi è un personaggio puro e autentico, come tutte le attrici, considerate da Pirandello vera incarnazione dell’Arte. Quando si abbandona finalmente a Elj, suo giovane amante, appassionato ma fatalmente immaturo e si scopre a rifare gli stessi gesti che aveva istintivamente fatto sul palcoscenico, si chiede con paura se lui potrà accettare la differenza tra la donna e l’attrice. Ancora una volta, attraverso una storia che usa come paradigma una vicenda teatrale, Pirandello affronta tematiche che riguardano il modo di relazionarsi tra gli uomini: la verità, di cui il palcoscenico può essere il più autentico testimone, si contrappone alle ipocrisie ed ai pregiudizi alimentati da una società malata.

Prodotto dall’Ente Autonomo Regionale Teatro di Messina, gestito nella parte distributiva ed organizzativa dalla compagnia “Daf – Teatro dell’Esatta Fantasia”, presieduta da Giuseppe Ministeri, lo spettacolo riprenderà la prossima stagione a partire dalla fine di ottobre e toccherà alcuni dei più importanti e prestigiosi teatri italiani tra cui il teatro Eliseo di Roma (dal 6 al 25 novembre), il Piccolo Teatro di Milano – Teatro d’Europa (dal 29 gennaio al 3 febbraio 2013), il teatro Carignano di Torino (dal 26 febbraio al 3 marzo 2013), lo Stabile di Genova,  il Rossetti di Trieste ed altri ancora.

“Rispetto alle rosee prospettive dal punto di vista dei teatri che ci richiedono” – ha dichiarato Giuseppe Ministeri, presidente Daf – Teatro dell’Esatta Fantasia – “talvolta dobbiamo far fronte a insormontabili problemi di natura economico-finanziaria. Cercheremo di resistere ma non possiamo escludere una rivisitazione della tournèe. È davvero difficile lavorare in queste condizioni”.