Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Palermo. Trasportavano due chili di cocaina, arrestati due insospettabili

squadra_mobile_palermo_poliziaNel pomeriggio di ieri, durante un controllo di polizia nei pressi della rotatoria Oreto, i poliziotti fermano un’auto con targa tedesca. A bordo c’erano un uomo e una donna di Palmi. Dopo un’ispezione approfondita del veicolo gli agenti della Squadra Mobile scoprono due chili di cocaina per un valore al dettaglio di circa 250 mila euro.

E così, la 63enne Concetta Gangemi e il 51enne Nino Vittorio Tripodi sono stati arrestati con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

“L’operazione – spiegano dalla Questura di Palermo –  è avvenuta nel contesto dell’intensificazione dei servizi di controllo del territorio in chiave antiterrorismo. Infatti, poliziotti in divisa e in borghese presidiano luoghi di tradizionale aggregazione di cittadini extracomunitari, siti sensibili e principali assi viari cittadini, ivi compresi gli snodi di ingresso e di uscita dal capoluogo”. E proprio in uno di questi luoghi, la rotatoria Oreto, da sempre particolarmente trafficata da cittadini e viaggiatori, è iniziata l’operazione di polizia che ha portato all’arresto dei due corrieri. Infatti, proprio nella Rotatoria i poliziotti sono stati insospettiti dal movimento dell’auto.

“La conducente, una insospettabile casalinga, accortasi della presenza dell’auto della Polizia di Stato, improvvisamente, si è reimmessa in marcia in direzione della carreggiata autostradale, verosimilmente per evitare di rischiare un controllo da parte dei poliziotti – aggiungono dalla Questura – ne è conseguito un inevitabile approfondimento dei poliziotti  che hanno intimato l’ALT, allo scopo di fermare l’auto e controllarne i passeggeri”.

I due, durante il controllo, hanno manifestato segni di insofferenza e hanno motivato la loro incerta manovra, spiegando di non conoscere la città. E così, i poliziotti hanno deciso di accompagnarli presso la caserma Pietro Lungaro.

“Come da procedura, gli accurati controlli su fermati e loro vettura sono stati eseguiti dal personale di polizia, insieme alle unità cinofile – continuano dalla Questura di Palermo è stato il fiuto del cane Dream che ha permesso ai poliziotti di giungere laddove i corrieri pensavano che nessuno sarebbe giunto: un pannello ricavato nel vano motore”.  All’interno, infatti, i poliziotti della Squadra Mobile hanno trovato due involucri e avvolti nel cellophane c’erano i due chili di cocaina.

I due, dopo le formalità di rito, sono stati tratti in arresto e messi a disposizione delle Autorità competenti.