Palermo, finge di essere malata di mente per 39 anni ma facebook la tradisce: adesso deve restituire oltre 200.000 euro

PALERMO. I finanzieri del Comando Provinciale hanno dato esecuzione a un decreto di sequestro preventivo emesso dal Giudice per le Preliminari del Tribunale di su richiesta della Procura della Repubblica, per un valore complessivo di oltre 200mila euro, corrispondente al profitto del reato di truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche. Le dei finanzieri del Nucleo di Polizia economico – finanziaria hanno consentito di ipotizzare che l’indagata, una donna di 67 anni residente in provincia di Palermo, abbia fraudolentemente simulato una grave infermità mentale per beneficiare di un trattamento pensionistico di invalidità civile, integrato dall’indennità di accompagnamento, a far data dal dicembre del 1983. Sulla base degli elementi acquisiti allo stato delle indagini, l’indagata, nel corso degli accertamenti sanitari all’epoca svolti, sarebbe riuscita a ingannare la commissione medica, risultando affetta da una grave patologia, diagnosi successivamente confermata nel 2010 che le ha garantito la corresponsione di un trattamento pensionistico di oltre 800 euro mensili. In realtà, alla luce degli elementi probatori raccolti dai

finanzieri, la donna sarebbe autonoma nel suo vivere quotidiano, in grado di provvedere ai propri bisogni senza alcun aiuto.

Nel corso delle indagini, infatti, l’indagata è stata osservata mentre era intenta a fare la spesa nel mercato rionale, interagendo normalmente con avventori e commercianti e, inoltre, le foto estrapolate dal suo profilo social la ritrarrebbero in atteggiamenti verosimilmente incompatibili con la patologia certificata: in una immagine, ad esempio, l’indagata sarebbe ritratta mentre compie attività ludico motoria, nonostante sia stata riconosciuta non rispondente a stimoli esterni. Il GIP del Tribunale di Termini Imerese, per salvaguardare gli interessi pubblici, ha emesso un provvedimento cautelare grazie al quale sono state sottoposte a sequestro disponibilità finanziarie fino alla concorrenza di euro 205.559,57, pari alle somme che nel tempo sarebbero state indebitamente percepite dall’indagata. L’odierna operazione eseguita dalla Guardia di Finanza, in stretto coordinamento con la Procura di Termini Imerese, si inserisce nel quadro delle linee strategiche dell’azione del Corpo volte a salvaguardare i pubblici bilanci evitando che importanti risorse destinate alla tutela delle fasce più deboli e bisognose della popolazione, come nel caso di specie, vengano distratte in maniera indebita.

GDF Palermo