#Messina. “Un calcio ai pregiudizi”: detenuti vs studenti e vince lo sport

Si è concluso con la vittoria di una rappresentativa di detenuti di diverse nazionalità il triangolare di calcio a 7 Un calcio ai pregiudizi giocato con due compagini universitarie composte da studenti universitari e collaboratori del Cus Unime nel del carcere di Gazzi.

Il rettore dell’Università di Messina Pietro Navarra e il direttore della casa circondariale Calogero Tessitore, hanno voluto organizzare l’evento “per rilanciare una visione dello sport come strumento di promozione di valori meritevoli e di tutela sociale, quali il rispetto reciproco dei contendenti, la solidarietà e il sacrificio individuale a vantaggio del risultato collettivo”.

L’evento, nato da un’idea del delegato alle attività sportive dell’Università Daniele Bruschetta, è stato una vera e propria festa dell’amicizia che ha superato qualsiasi barriera, in cui lo sport non ha rappresentato solo una parentesi agonistica, ma soprattutto un momento di impegno civile e sociale.

Tutti i rappresentanti delle istituzioni si sono dichiarati entusiasti per la perfetta riuscita del torneo e hanno annunciato nuove iniziative per il futuro.


Antonio Maimone

Laureato in giornalismo all'Università di Messina. Ha sempre avuto la passione per il calcio e per lo sport in generale. Ha collaborato con diverse redazioni sportive e per Sicilians vi porterà all'interno di tutte le realtà sportive locali e regionali, facendo ogni tanto qualche passaggio in cronaca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.