#Messina. TARI a Barcellona, Mamì a Materia: “Bugie post elettorali”

Bollettone CollicaClima rovente a Barcellona Pozzo di Gotto. Botta e risposta tra l’amministrazione Collica e quella del neo sindaco Roberto Materia.

Ieri i sostenitori del primo cittadino hanno fatto circolare su facebook un post con il quale accusavano i predecessori di avere regalato ai barcellonesi una mega tassa sui rifiuti, tenuta nel cassetto durante il periodo pre elettorale.

Polemiche e accuse a non finire e stamane arriva la replica di Antonio Mamì, ex assessore dell’esecutivo Collica e adesso all’opposizione.  

“Ogni tanto, così come splendide farfalle che vengon fuori dal loro bozzolo, anche le bugie, queste un po’ meno splendide, tendono a far capolino in questo periodo post-elettorale, probabilmente per deviare l’attenzione dai vigorosi scricchiolii provenienti dalla coalizione del Dott. Materia e alla faccia della pacificazione, che si cerca sempre a parole e mai coi fatti -scrive Mamì sul proprio profilo FB.

Al solito parliamo di rifiuti, dove i tentativi di mistificazione si sprecano, e in particolare delle bollette TARI in arrivo in questi giorni.

“Il Dott. Materia l’aveva detto in campagna elettorale!!!” – gridano i sostenitori del Sindaco. Ma che cosa aveva detto? Queste le parole del Sindaco: “Bollette maggiorate del 30-40% (attraverso delibera prima della sfiducia) ferme al Comune sebbene già stampate”.

Antonio Mamì

Questa affermazione corrisponde al vero? Facciamo l’analisi del testo:

– “Bollette maggiorate del 30-40%”: vi allego le foto di due bollette, entrambe in acconto e relative allo stesso soggetto, una relativa al

2014 e una relativa al 2015. Come si può notare le bollette sono identiche, quindi non c’era nessuna “bolletta nascosta” per fini elettorali. Anzi, come si vede dal raffronto, gli acconti 2014 avevano scadenza ottobre e dicembre, mentre quelli 2015 hanno scadenza giugno e luglio. Nessun ritardo ma, anzi, un anticipo rispetto al 2014, anche al fine di evitare la concentrazione dei pagamenti delle imposte tutti a fine anno;

– “attraverso delibera prima della sfiducia”: il punto precedente sconfessa anche questo ma, visto che il Dott. Materia ha accesso in maniera semplice alla documentazione amministrativa, potrà sicuramente smentirmi producendo la delibera di aumento delle tariffe di cui parla. Buona fortuna;

Le bollette postate dal consigliere Mamì
Le bollette postate dal consigliere Mamì

– “ferme al Comune già stampate”: il Dott. Materia insinuava quindi, in campagna elettorale, che il dirigente del settore Economico Finanziario e i dipendenti dello stesso settore omettessero di inviare le bollette per fare un favore all’Amministrazione Collica. Il che significa accusare gravemente non soltanto la precedente Amministrazione (che non aveva il potere di imporre a nessuno alcunché) ma anche un dirigente che ci viene invidiato negli altri Comuni per la competenza e correttezza. Un bel modo di instaurare un rapporto sereno con i propri attuali collaboratori.

Per il resto sono sempre disponibile a interloquire con l’attuale Amministrazione sui veri problemi che riguardano i rifiuti e in particolare l’attuazione del piano ARO e le strategie per compensare l’aumento dei costi per il conferimento in discarica. Sempre che dal percorso della collaborazione si spazzino prima via le bugie”.

Carmelo Amato

Il giornalismo è la sua ragione di vita. Indistruttibile, infaticabile, instancabile, riesce a essere sul posto “prima ancora che il fatto succeda”. Dalla cronaca nera allo sport nulla gli sfugge. È l’incubo degli amministratori comunali, che se lo sognano anche di notte e temono i suoi video e i suoi articoli nei quali denuncia disservizi e inefficienze e dà voce alle esigenze dei suoi concittadini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.