Cronaca. Santo Stefano di Camastra, servizio di controllo dei Carabinieri: un arresto e otto denunce

Carabinieri Stazione di Caronia controlli
SONY DSC

MESSINA. I carabinieri di Santo Stefano di Camastra lo scorso weekend hanno effettuato un servizio coordinato del territorio nell’ambito della giurisdizione della Compagnia, con controlli stradali e perquisizioni d’iniziativa da Santo Stefano ad Acquedolci, passando per Cesarò. Complessivamente ci sono state otto denunce e un arresto, in esecuzione di di carcerazione emesso dalla Generale della Repubblica presso la Corte D’Appello di Messina, per abusivismo edilizio. A Cesarò è stato denunciato un pregiudicato classe 1945 per i reati di omessa denuncia di materie esplodenti aggravata e inosservanza dei provvedimenti dell’Autorità. L’uomo, destinatario di decreto di divieto di detenzione armi e munizioni, emanato dalla Prefettura di Messina, deteneva all’interno della sua abitazione 500 grammi di polvere da sparo, nonché tutto il materiale idoneo per il confezionamento di munizioni per fucile. Le operazioni di perquisizione, visti i precedenti, sono

state estese anche alla sua azienda zootecnica, che è stata messa sotto sequestro sanitario cautelativo, bloccandone tutte le movimentazioni in entrata e in uscita, poiché si riscontrava la presenza di 7 suini sprovvisti di identificativo e non regolarmente dichiarati. Un altro italiano classe 1963 è stato invece denunciato in stato di libertà alla magistratura per il reato di ricettazione, dato che, a seguito di perquisizione veicolare, è stato trovato in possesso di alcune confezioni di farmaci, i quali possono essere usati esclusivamente negli ospedali.

Tra Cesarò e Santo Stefano sono stati denunciati: un italiano 58enne per porto abusivo di arma da taglio, poiché, durante un controllo alla circolazione stradale, è stato trovato in possesso di un coltello a serramanico lungo 19 centimetri e prontamente sequestrato; un altro italiano 25enne per guida in stato di alterazione psico-fisica correlata all’uso di droga; altri due italiani, un 40enne e un 23 enne per guida in stato di ebbrezza. A questi ultimi tre è stata ritirata la patente di guida. Infine, un ragazzo classe 1993 è stato trovato in possesso di un grammo di marijuana, e quindi segnalato alla competente prefettura per detenzione di sostanza stupefacente per uso personale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.