Catturato nel porto di Milazzo l’evaso dal carcere Madia di Barcellona Pozzo di Gotto

 

IMG 20230721 WA0092MESSINA. Nel primo pomeriggio di oggi una meticolosa attività di indagine ha portato alla cattura del 34enne evaso dal carcere Madia di Pozzo di Gotto nel porto di Milazzo. Le forze dell'ordine hanno lavorato instancabilmente per assicurare nuovamente alla giustizia l'uomo fuggito ieri. L'operazione ha avuto successo grazie all'abile intervento degli agenti di Polizia del Commissariato mamertino.

Il milanese Davide Meloni era evaso ieri dal carcere Madia di Barcellona Pozzo di Gotto, scatenando una massiccia operazione di ricerca nella zona. L'evasione aveva sollevato preoccupazioni per la sicurezza pubblica e aveva portato a un'allerta massima delle forze di polizia, che hanno lavorato senza sosta per rintracciare l'uomo.

Grazie alle indagini e alla collaborazione tra le forze di polizia, è stato possibile fermarlo. Il suo ritrovamento al porto di Milazzo ha portato a una rapida e ben coordinata azione da parte degli agenti del Commissariato mamertino.

Gli agenti di polizia hanno dimostrato grande abilità e determinazione nel bloccare il fuggitivo. Senza mettere a la sicurezza di altre persone presenti nel porto, gli agenti sono riusciti a circondare l'uomo e ad arrestarlo senza ulteriori .

Al momento dell'arresto, l'evaso non ha opposto resistenza ed è stato quindi riportato in custodia dalle forze dell'ordine.

Questo episodio mette in luce l'importanza del costante impegno delle forze dell'ordine nel garantire la sicurezza pubblica e nel perseguire coloro che cercano di sfuggire alla giustizia. La cattura dell'evaso dimostra come un'azione tempestiva e ben pianificata possa portare a risultati positivi e restituire un senso di sicurezza alla popolazione.

La comunità locale può ora respirare un sospiro di sollievo sapendo che l'uomo è nuovamente dietro le sbarre e che la sicurezza è stata ripristinata.

Saranno forniti ulteriori aggiornamenti riguardo a questo caso man mano che emergono nuove informazioni dalle autorità competenti.

 

Carmelo Amato

Il giornalismo è la sua ragione di vita. Indistruttibile, infaticabile, instancabile, riesce a essere sul posto “prima ancora che il fatto succeda”. Dalla cronaca nera allo sport nulla gli sfugge. È l’incubo degli amministratori comunali, che se lo sognano anche di notte e temono i suoi video e i suoi articoli nei quali denuncia disservizi e inefficienze e dà voce alle esigenze dei suoi concittadini.