Video shock: corse clandestine di cavalli in viale Giostra

Messina le corse dei cavalli all’alba non sono una novità. Chiunque sia così sfortunato da passare in viale Giostra nelle primissime ore di sabato o di domenica può rischiare di trovarsi nel bel mezzo di una corsa clandestina. Basta cliccare su questo link  http://youtu.be/ZMoD3BOiR3A per renderse conto.

Del resto, se il video girato all’alba di domenica scorsa e poi postato su facebook che proponiamo non dovesse convincere, il rione è popoloso e basta chiedere agli abitanti della zona. In una città normale i controlli delle forze dell’ordine sarebbero talmente tanti da scoraggiare sia gli organizzatori che i frequentatori. In una città normale, appunto, ché Messina è ben altra cosa.

Un fotogramma del video

Le modalità sono sempre le stesse, da decenni. Un lunghissimo corteo di motorini che sgombra entrambe le corsie (sia in salita che in discesa) del viale

Giostra e poi i due cavalli costretti a correre in salita incitati da grida disumane. Quarantadue secondi di orrore e crudeltà.

Quello che ruota attorno alle corse clandestine è il sottobosco tipico: criminali in erba, altri di lungo corso, spettatori che hanno messo da parte il concetto di illegalità e gli scommettitori.

Da tanti, troppi anni tutto ciò accade sotto gli occhi di tutti senza che nessuno intervenga. Eppure, sarebbero sufficienti un paio di pattuglie presenti sul territorio in luoghi e orari noti a mezza città e le corse clandestine dei cavalli potrebbero essere archiviate per sempre insieme al loro carico di illegalità.

A parte la denuncia a livello nazionale del programma satirico Striscia la notizia andata in onda l’anno scorso, a memoria d’uomo si ricordano solo un paio di interventi da parte delle forze dell’ordine.

E chissà che questo brevissimo video non riesca a smuovere qualcosa nei punti giusti e a cancellare una delle tante vergogne e indecenze di questa straziata, violentata, negletta città.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *