Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Vertice in Prefettura con l’assessore Marino per l’emergenza rifiuti

Il sindaco Renato Accorinti

La Regione Sicilia pronta ad aprire i cordoni della borsa per liberare Messina dalla morsa dei rifiuti. A prometterlo per conto del Governo regionale l’assessore all’Energia Nicolò Marino, nel corso di un vertice in Prefettura con il sindaco Renato Accorinti, il vicesindaco Guido Signorino e l’assessore all’Ambiente Daniele Ialacqua.

Presenti all’incontro anche il direttore del settore Acqua e Rifiuti della Regione Siciliana Marco Lupo, il viceprefetto vicario Maria Antonietta Cerniglia e il presidente di TirrenoAmbiente Antonello Crisafulli.

“La Regione si è impegnata a versare entro due settimane dall’approvazione della delibera (quella sull’ATO 3, ndr) da

parte del Consiglio comunale, sei dei sette milioni di euro che fanno parte della prima rata del Fondo di Rotazione. La seconda invece, relativa al 2014 sarà anticipata a gennaio.

Entro mercoledì prossimo presenteremo la delibera per l’approvazione, il cui percorso sarà concordato con la presidenza del Consiglio comunale e con i capigruppo.

TirrenoAmbiente ha preso atto di quanto previsto ed ha ribadito la necessità di ricevere liquidità per completare gli impianti, che serviranno a smaltire la parte umida dei rifiuti”.

Anche la Prefettura farà la propria parte, inviando una relazione all’assessorato regionale competente, sottolineando la complessa situazione della gestione dei rifiuti a Messina e in provincia e la necessità di anticipare le somme promesse da Marino e, prima di lui, dal presidente Rosario Crocetta.