Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Università, ribassi eccessivi per l’antincendio

L’appalto in discussione è quello per la manutenzione antincendio nei diversi plessi dell’università di Messina. Dura cinque anni e l’importo a base d’asta è di un milione di euro. A partecipare cinque aziende. Tra queste la “Vecar srl”, che dal 22 febbraio scorso aspetta chiarimenti dall’amministrazione dell’ateneo rispetto a quella che per il momento è stata giudicata la migliore offerta, presentata con un ribasso del 49,09 per cento. Un abbattimento che desta più di qualche perplessità tra gli addetti ai lavori. 

“Per questo tipo di manutenzione serve personale qualificato -spiegano i vertici dell’impresa- ed è necessario anche un determinato tipo di apparecchiature. Un aspetto particolarmente delicato è quello della forza lavoro da utilizzare. Il capitolato d’appalto ci chiede di partire da una base di 28 euro l’ora, come è previsto dal contratto nazionale di lavoro per chi ha competenze specifiche. Consultando le tabelle del settore, nella

nostra offerta siamo scesi al minimo possibile, che è 15 euro l’ora. Facendo così siamo riusciti a presentare un ribasso che è del 37,64 per cento, ma di meno è impossibile, perché si abbatterebbe troppo il costo del personale. Anche l’impresa che è arrivata seconda ha presentato un ribasso altissimo, il 47,76 per cento. Ma queste riduzioni sono del tutto fuori mercato ed è chiaro che per la manodopera si è scesi al di sotto dei minimi tabellari. Resta quindi da capire se il personale che potrebbe essere impiegato nel caso in cui l’aggiudicazione dovesse andare a chi per ora si è piazzato al primo posto con quella che attualmente è giudicata l’offerta più conveniente, sia o no all’altezza del compito. Abbiamo scritto all’amministrazione universitaria per chiedere dei chiarimenti in merito, ma a distanza di 3 mesi stiamo ancora aspettando una risposta”. 

Intanto i 180 giorni previsti dalla legge per aggiudicare una gara scadranno il 17 luglio prossimo. Se per quella data l’appalto non sarà stato assegnato, si dovrà ripartire da zero.