Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

UniCt e lotta al coronavirus, pronte 15.000 mascherine per i dipendenti dell’ateneo

CATANIA. L’Università di Catania non si ferma nella lotta al coronavirus. È partita infatti la distribuzione di 15.000 mascherine a tutti i dipendenti dell’ateneo: prodotti già analizzati e certificati dall’Anti-COVID Lab, il laboratorio messo a punto due mesi fa da UniCt e dai Laboratori nazionali del Sud (LNS) per la verifica delle qualità funzionali di tessuti destinati alla realizzazione dei dispositivi di protezione individuale. Questo il frutto dell’accordo siglato lo scorso 24 aprile tra l’ateneo e l’azienda produttrice di tessuti Stiltex Group Srl. Questa mattina, al Palazzo centrale, è avvenuta la consegna del primo lotto di 5.000 mascherine da parte dell’amministratore e del direttore responsabile di Stiltext Giuseppe Nocera e Antonino Nocera, alla presenza del rettore Francesco Priolo, del direttore generale dell’università Giovanni La Via, del delegato alla Ricerca Salvo Baglio, dei delegati al Trasferimento tecnologico Filippo Caraci e Antonio Terrasi, del dirigente vicario dell’Area della Terza missione Carmelo Pappalardo e di Giacomo Cuttone direttore di ricerca dei LNS, che si è collegato in videochiamata anche con il presidente dell’Istituto nazionale di Fisica nucleare Antonio Zoccoli. Quest’ultimo si è complimentato per l’iniziativa congiunta Ateneo e LNS, auspicando che la collaborazione possa continuare in futuro. “Dobbiamo unirci – ha spiegato Zoccoli – nella prossima battaglia: portare la ricerca e la scienza al centro della società”. L’azienda consegnerà il resto delle mascherine previste dall’accordo nelle prossime settimane. Domani, inoltre, un’altra azienda che ha ottenuto la certificazione dall’Anti-COVID Lab, la Fashion Design, consegnerà all’Ateneo le prime 4.500 mascherine. “È un particolare piacere – ha affermato il rettore Priolo – avere sottolineato l’evento della distribuzione di queste prime mascherine certificate dall’Anti-COVID Lab, frutto di una collaborazione positiva tra Ateneo e LNS. Una collaborazione che dimostra come la ricerca e l’innovazione abbiano un impatto notevole sul territorio anche in momenti complicati come questo”. “Oggi è un giorno molto significativo – ha spiegato dal canto suo Cuttone – perché iniziamo a raccogliere i primi frutti di un lavoro nato due mesi fa, in piena emergenza COVID con l’Ateneo di Catania. Si tratta di una collaborazione particolarmente importante per la società e per tutto il sistema produttivo, un lavoro in cui noi dei LNS abbiamo contribuito realizzando i macchinari necessari per le attività di verifica dei tessuti”. Soddisfazione è stata espressa anche dall’amministratore di Stiltext Giuseppe Nocera che ha ringraziato il personale del laboratorio. Le mascherine che saranno consegnate ai dipendenti dell’ateneo oltre ad aver superato i rigorosi test dell’Anti-COVID Lab, hanno ottenuto la relazione tecnico-scientifica necessaria per la certificazione dell’Istituto Superiore di Sanità, che include una valutazione sia della traspirabilità (pressione differenziale) che della capacità batterio filtrante (BFE) in combinazione con l’analisi del carico biologico (bioburden). Altre aziende hanno superato in questi giorni i suddetti test, o sono in fase di valutazione, e saranno presto convocate per il rilascio della relazione tecnico scientifica e la successiva consegna di altri lotti di mascherine. Le analisi effettuate dal team di lavoro sono servite a verificare la capacità di filtraggio batterico, la traspirabilità e il carico biologico (condizioni necessarie per ottenere un’eventuale certificazione da parte dell’Iss) o come analisi suppletive per individuare mascherine ad uso sociale con elevati parametri di efficienza filtrante. Lo scopo principale dell’Anti-COVID Lab, infatti, è quello di individuare e aiutare aziende in grado di produrre mascherine chirurgiche certificabili dall’ISS, ottenendo in cambio un adeguato numero di questi presidi medici da distribuire gratuitamente. Tuttavia, la maggior parte delle imprese che non riesce ad avere gli standard per la certificazione dell’ISS, ha chiesto e ottenuto un supporto tecnico per comprendere come realizzare le cosiddette mascherine per uso sociale, ossia quelle che possono essere commercializzate. In questi due mesi di attività nei locali del Bio-nanotech Research and Innovation Tower (Brit) l’Anti-COVID Lab, tramite la Ripartizione Trasferimento tecnologico della Area della Terza missione dell’Università di Catania, ha avuto circa 250 contatti con aziende, Onlus e altre realtà territoriali, compresi istituti penitenziari (con richieste di analisi su oltre 600 materiali diversi) non solo siciliane, ma anche della Campania, Puglia, Calabria, Lazio, Piemonte, Toscana, Lombardia, Basilicata, Sardegna, Marche, Veneto, Abruzzo e Umbria. A dimostrazione di quanto siano rigorosi i test e di quanto possa essere pericoloso immettere sul mercato prodotti non idonei, la percentuale di tessuti che hanno superato tutti e tre i test previsti dalla normativa vigente è intorno al 2-3 %, mentre il risultato più frequente è che un buon filtraggio batterico è associato ad una insufficiente traspirabilità e viceversa. Un lavoro instancabile da parte del team del laboratorio, composto dai responsabili scientifici per le analisi Stefania Stefani (microbiologa), Salvatore Baglio (ingegnere e delegato alla ricerca), Nunzio Tuccitto (chimico-fisico), Stefano Stracquadanio (microbiologo), Giacomo Cuttone (fisico), Alessia Tricomi (fisico e delegata alla cabina di regia della Terza Missione), Filippo Caraci (medico), Antonio Terrasi (fisico) – questi ultimi anche delegati al Trasferimento tecnologico – e Carmelo Pappalardo (dirigente vicario dell’Area della Terza missione).