Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Una torta con 100 candeline per gli scout

Una cerimonia del ME 13

Gli scout italiani festeggiano le prime 100 candeline. Anche Messina parteciperà all’evento con una due-giorni organizzata alla cittadella fieristica alla quale parteciperanno tutti i Gruppi Scout cittadini, ma anche quelli di Milazzo e Santa Teresa Riva. In tutto oltre mille persone, che tra sabato e domenica testimonieranno la propria appartenenza ad uno dei migliori sistemi educativi mai concepiti. 

Sono passati oltre 100 anni dall’istituzione dello scoutismo, creato in Inghilterra nel 1907 da Sir Robert Baden-Powell, che mise a frutto la propria esperienza durante la guerra anglo-boera in Sud Africa, e giunto poi in Italia e quindi anche in Sicilia pochi anni dopo, nell’inverno 1910-11. A Palermo, Messina e Giarre si costituirono Gruppi REI (Ragazzi Esploratori Italiani), mentre nel 1915 a Taormina fu istituita la prima sezione CNGEI (Corpo Nazionale Giovani Esploratori Italiani). Nel 1916 nacque l’ASCI (Associazione Scout Cattolici Italiani) all’interno della Chiesa cattolica ed uno dei primi sei reparti d’Italia fu fondato a Palermo. 

Movimento fortemente autonomo rispetto a governi e partiti, non sempre lo scoutismo fu visto positivamente negli anni. Non a caso, durante la dittatura fascista fu ritenuto scomodo e sciolto tra il 1927 e il 1928. Mussolini cercò di

rimediare con l’Opera Nazionale Balilla, ma fu solo una ridicola imitazione del movimento fondato da Baden-Powell. Si dovrà attendere lo sbarco degli alleati e la Liberazione perché lo scoutismo sia di nuovo protagonista. Non più clandestino, ma come movimento formativo in Italia dal dopoguerra in poi. Nel 1974 ASCI e AGI (Associazione Guide Italiane) si fondono in AGESCI (Associazione Guide e Scout Cattolici Italiani). Si costituiscono 80 Gruppi in tutta Italia, che adesso sono oltre 200. 

Una vecchia foto del ME 1

Il motto dell’evento è “Insieme per costruire la città di domani”, a dimostrazione che il movimento scout messinese non vive nel passato ma si impegna a porre le fondamenta per fare del territorio un posto migliore giorno dopo giorno. Non a caso, una delle frasi storiche di Baden-Powell è „lasciamo il mondo migliore di come l’abbiamo trovato“. Le due giornate non saranno un’esclusiva dedicata agli scout e la giornata di domani sarà dedicata alla città. Saranno ospitate associazioni, istituzioni e chiunque voglia confrontarsi con  lo scoutismo e con le tematiche scelte per le discussioni: ingegneria civile, ambiente e territorio, partecipazione e democrazia, arte e cultura. A patrocinare la kermesse l’Ente Fiera, il Comune di Messina e l’assessorato ai Servizi Sociali guidato da Dario Caroniti.