Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Una borsa di studio per ricordare Luigi Costa

Luigi Costa

A ricordare per sempre Luigi Costa c’è una borsa di studio voluta dalla Consulta Regionale degli Ordini degli Ingegneri della Sicilia. Quest’anno, la cerimonia è prevista per il primo sabato di dicembre, sarà assegnata a due giovani neo ingegneri messinesi che, come Costa, si sono laureati presso la facoltà di Ingegneria dell’ateneo peloritano. Ovviamente, le loro tesi hanno affrontato il tema del dissesto idrogeologico. 

Luigi Costa è morto poco più che trentenne durante l’alluvione dell’1 ottobre 2009 mentre si trovava a Scaletta per conto del Tribunale, che gli aveva assegnato un

incarico come CTU per una perizia. Aveva appena concluso il sopralluogo e si stava dirigendo verso la propria auto, quando è stato travolto dalla marea di fango, acqua e detriti che ha travolto tutto e tutti. Non ha avuto scampo ed il suo corpo è stato ritrovato solo dopo alcuni giorni.

“Abbiamo voluto ricordare il nostro giovane collega -ricorda il presidente dell’Ordine degli Ingegneri di Messina Santi Trovato- e l’unico modo era quello di istituire una borsa di studio che contribuisse a formare giovani professionisti attenti ai problemi dell’ambiente e del dissesto idrogeologico. E ci fa particolarmente piacere che questo riconoscimento alla sua memoria non sia solo locale, ma sia stato deliberato dalla nostra Consulta regionale”.