Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Gli appuntamenti della Notte della Cultura dedicata ad Antonello

Quadro di Antonello da Messina che si pensa possa essere il suo autoritratto

Numerosissimi gli appuntamenti della Notte della Cultura dedicata ad Antonello da Messina.

PALACULTURA ANTONELLO

Dalle 17 nella Biblioteca comunale, 2° piano, “Una merenda nella bottega di Antonello” (attività ludico-didattica per bambini a cura di Italia Nostra), “Quattro giorni con Antonello” (reading di Federica De Cola), “Giochiamo con i dipinti di Antonello e di Scuola Fiamminga” (laboratorio grafico, memory e puzzle, con musiche e danze del tempo di Antonello e merenda preparata secondo antiche ricette siciliane).

Foyer Dalle 19, dopo i saluti del sindaco Renato Accorinti e dell’assessore alla Cultura Tonino Perna, al via la mostra didattica delle riproduzioni artistiche di tutte le opere “Antonello da Messina”.

A seguire la  presentazione del progetto di M. Romeo e G. Brancato, poi “Antonello nel mondo” a cura di D. Cacopardo, “Antonello e Messina” di S. Bottari, “Da Sciascia a Consolo” (letture antonelliane con le voci di L. Fiorino e D. Gonciaruk), intermezzi musicali con il Trio Ars Vetus, “Tavola imperiale” a cura dell’Istituto d’istruzione superiore Antonello con degustazione del menù viola, riproduzione in ceramica del “Ritratto d’uomo” di Antonello da Messina realizzato dagli alunni del laboratorio di ceramica dell’Istituto Antonello.

Alla Galleria di Arte Moderna Messina (GAMM) dalle 20 “Apriamo all’Arte in omaggio ad Antonello”, illustrazione delle eccellenze della raccolta curata da S. Lanuzza e V. Buda della Soprintendenza ai Beni Culturali e Ambientali di Messina.

All’Archivio Storico – Sala Lettura “P. Bruno” 1° piano, dalle 20 “Ricordando Antonello: Il testamento di Antonello: studi e ricerche” ( percorso fotografico e documentario a cura di N. Speranza) ed esposizione del medaglione realizzato dall’orafo G. Mammano che raffigura la Messina di fine ‘400 così come la vedevano i contemporanei di Antonello.

MUSEO REGIONALE Dalle 17 potranno essere visitate le sale dedicate ad Antonello ed ai suoi epigoni fino all’orario regolare di chiusura (ore 18.30 biglietteria, ore 19 chiusura cancelli) per un importo simbolico riservato ai residenti di 1 euro, pur con le limitazioni connesse al cantiere PO FESR in corso per l’adeguamento della sede storica.

Alle 17.30 l’assessore regionale ai Beni Culturali Maria Rita Sgarlata, nella saletta conferenze della struttura museale, interverrà sul tema proposto dall’assessore comunale alla Cultura Tonino Perna, quale filo conduttore delle Notti della cultura. La funzione di start point della serata assegnata al Museo, sottolinea il valore delle opere di Antonello nelle collezioni permanenti della struttura e la visita di sabato sarà il giusto tributo dei messinesi al maestoso Polittico autografo che fu protagonista, nel 1953, della memorabile mostra a Palazzo Zanca.

E’ inoltre stato predisposto uno staff di accoglienza per agevolare il percorso fruibile e garantire ai visitatori informazioni sul patrimonio esposto. Con visite guidate a cura di E. Ascenti, A. Migliorato e A. Giuliano si potranno ammirare oltre al Polittico di San Gregorio, firmato e datato nel 1473, raffigurazioni della Madonna in trono col Bambino, San Gregorio, San Benedetto, Annunciazione e alla tavoletta bifronte raffigurazione della Madonna col Bambino e francescano in adorazione (recto)ed Ecce Homo (verso), ormai quasi concordemente attribuita al Maestro messinese, una considerevole quantità di testimonianze pittoriche riconducibili al suo seguito, oggetto di appassionate controversie attributive che hanno animato la storiografia specialistica impegnata nella definizione delle tante personalità emergenti, fra le quali i nipoti Pietro e Antonello de Saliba e Giovanni Salvo, autore del rinomatissimo Transito della Vergine del 1509, esposto sull’altare maggiore del Duomo il giorno dell’Assunta, di cui rimane un frammento nei depositi museali.

Si segnalano anche la Madonna del Rosario con le gerarchie, eseguito nel 1489, il suggestivo Cristo alla colonna, acquisito nel 1989, la Madonna del gelsomino, la tavola trasportata su tela con S. Caterina d’Alessandria acquisita dalla Soprintendenza di Messina nel 1994.

Nella Sala degli Antonelleschi è inoltre fruibile una significativa scelta di opere fiamminghe, utili ad individuare una delle componenti della formazione di Antonello.

BIBLIOTECA REGIONALE Dalle 20 l’esposizione di libri e documenti provenienti dai Fondi della biblioteca su Antonello da Messina e i suoi tempi, alle 22 “Sciascia su Antonello” (letture antonelliane a cura di A. Lo Presti), alle 22.30 “I luoghi originari di Antonello – La contrada dei Sicofanti” (conferenza a cura di C. Micalizzi), alle 23.15  “Tracce letterarie di Antonello” (Consolo, Campanile, Perec), letture antonelliane a cura di A. Lo Presti.

FORTE SAN SALVATORE Dalle 17 performance artistiche, organizzate dall’Istituto superiore “La Farina/Basile” a cura di D. Scopelliti e G. Bambino – Spazio Libero Officina Artistica: F. Di Bella, M. Saija, O. Sturniolo, E. Vanfiori, M. Di Bella, T. Ribuffo e interventi performativi di artisti vari.

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA Dalle 17 a Palazzo dei Leoni esposizioni di stampe e vedute della Sicilia e di Messina prima e dopo Antonello, alle 23.15 nel Salone degli specchi musica vocale rinascimentale.

MONTE DI PIETA’ Alle 20 proiezioni video sulla vita di Antonello a cura di C. Celona, mostra fotografica e documentaria sui resti del convento di S. Maria del Gesù (luogo di sepoltura di Antonello secondo l’ipotesi dello storico G. La Corte Cailler), esposizione della copia del testamento di Antonello, alle 21.30 letture antonelliane con la voce di I. Zimbaro, musica D. Ferraro, Duo Tusa – Pitali, esposizione di due riproduzioni antonelliane, alle 22.30 “Il sorriso dell’ignoto marinaio” di V. Consolo (testo ispirato al “Ritratto d’uomo”, recital teatrale a cura di G. Boncoddo e del Gruppo Teatrale Universitario), “Galea di Sicilia interpreta i colori di Antonello”, dipinto su seta realizzato da C. Siracusano e R. Mortelliti.

CONVENTO SAN PLACIDO CALONERO’  All’Enoteca Provinciale e all’Istituto Agrario San Placido Calonerò alle 20 arte, storia e tradizioni, commercio e artigianato e degustazioni con tavola imbandita in forma rinascimentale, alle 21.30 musica e canti rinascimentali.

LICEO G. SEGUENZA Alle 19 esibizione del coro – orchestra “Voci in Seguenza”, poi “Antonello da Messina in digitale” (proiezione delle opere dell’artista e didascalie), “Musica e colore – La sala sensoriale” musica quattrocentesca e proiezioni video, esposizione di altorilievi e bassorilievi, riproduzioni di porzioni di architetture del XV e XVI secolo. Alle 21.30 incontro con esperti sui temi “Lo sguardo di Antonello Innovazioni e suggestioni nel tempo” e “Arte e Scienza nel Quattrocento”.

LICEO F. MAUROLICO Alle 19.30 “Messina e le arti tra il 400 e il 500” a cura dei professori S. Di Bella, A. Crea e Pistorino, “L’Arte di Antonello da Messina” a cura della professoressa Frisone. Alle 21.15 laboratorio di musica “Incontro con la musica classica” e alle 22.15 il coro Maurolico – Archimede – Verona Trento.

ISTITUTO ANNIBALE MARIA DI FRANCIA Alle 19 nel Salone Padre Annibale esposizione dell’opera della Scuola Antonelliana “La Madonna dei Miracoli” (studio sui volti delle Madonne di Antonello e dei suoi allievi), nel chiostro del monastero esposizione della “Madonna delle Vittorie” (studio sulle vedute di Messina da Antonello al XVII secolo), nel Teatro Annibale di Francia alle 21 proiezione del video “Antonello da Messina e il ritratto dell’uomo” e mostra di origami “La crocifissione di Antonello”.

DUOMO Dalle 19 visite guidate a cura di Messinarte al mosaico realizzato sui bozzetti di Giulio Aristide Sartorio, raffigurante il “Cristo Salvator Mundi” ispirato all’originale di Antonello da Messina.

PARROCCHIA SANTA CATERINA Alle 21 “Il mistero del dolore salvifico nelle opere di Antonello da Messina”, mostra e lettura di alcune riproduzioni.

SS. ANNUNZIATA DEI CATALANI Dalle 21 mostra archivio fotografico relativo all’esposizione antonelliana del 1953 (collezione Riccobono), dipinti realizzati dal pittore P. Crea che riproducono alcuni capolavori di Antonello, “Meditazioni corali su opere di Antonello da Messina”, concerto e proiezioni di opere di Antonello a cura della Corale Polifonia “Giovanni Pierluigi da Palestrina”.

 SANTUARIO SANTA MARIA DEL CARMINE Dalle 20 “Antonello e i paesaggi dello Stretto” (lezione – concerto a cura del Centro Studi Historiae et Memoriae), video proiezioni e interventi a cura di G. Finocchio e D. Vinci, interventi musicali a cura dell’Associazione “Luca Marenzio” con il duo Flauto e chitarra (A. De Marco-G. Mangano), il duo soprano e pianoforte (C. Pirrera-A. M. Rotondo) e il coro polifonico “Luca Marenzio” diretto dal M° C. D. Lisanti.

CHIESA ORATORIO DELLA PACE (O DELLE BARETTE) Alle 22.30 letture antonelliane con la voce G. Di Giacomo, intermezzi musicali con il Duo Fagà-Leonardi, concerto di musica polifonica della Corale Santa M. delle Grazie diretta dal Maestro G. Arena.

CHIESA VALDESE: Alle 21 concerti corali e organo (Associazione Antonello).

VILLA CIANCIAFARA (ZAFFERIA) Alle ore 21 esposizione del pregevole dipinto raffigurante “La Madonna della Catena” di Antonello de Saliba della collezione di G. A. Mallandrino, conversazione sull’opera a cura di G. Musolino della Soprintendenza ai Beni Culturali e Ambientali di Messina.

GABINETTO DI LETTURA Alle 18 esposizione bibliografica e fotografica su Antonello.

TOMBA DI ANTONELLO Alle 18 visita ai resti del Convento di Santa Maria di Gesù Superiore, luogo di sepoltura di Antonello.

TEATRO VITTORIO EMANUELE Alle 21.30 cori rinascimentali “S. Maria dei Miracoli”, “Onda Maris”, “Arsis Vocal Ensemble” e “Gaudemus in Domino” coordinati dal Maestro Beninati.

LARGO MINUTOLI Alle 22 inaugurazione dello spazio verde e lettura antonelliana a cura dell’Istituto Minutoli.

MAGIKA (via Placida) Alle 19 set fotografico a cura di A. Mancuso, che interpreterà, in chiave contemporanea ritratti di tipo antonellesco donandoli agli ospiti.

LIBRERIA MONDADORI (via Garibaldi) Alle 19 “Il sorriso dell’ignoto marinaio” di V. Consolo, reading a cura di F. Musolino e F. Nicosia (ideatore di Pianissimo).

LIBRERIA DORALICE (via C. Pompea) Alle 19 “Omaggio ad Antonello e alla sua Messina”, reading di brani dedicati all’arte e alla letteratura emergente messinese, partendo dall’opera di V. Consolo “Il sorriso dell’ignoto marinaio”, a cura dell’Associazione Terremoti di Carta.

LIBRERIA FELTRINELLI (via Ghibellina) Alle 17.30 “Messina al tempo di Antonello”, conversazione con C. M. Rugolo e alle 18 e alle 19.30 “Processi Psicologici della trasfigurazione artistica e narrativa – Antonello da Messina tessitore di emozioni” (M. G. Scuderi incontra L. Pandolfo e A. Pugliese), alle 21.30 degustazione del “Menù Verde” e proiezione di immagini e musica.

LIBRERIA CIOFALO (via Consolato del Mare) Alle 20.30 “Antonello nella critica d’arte” (conversazione di T. Pugliatti) e “Da Vasari al MART”, un percorso bibliografico su Antonello, mostra a cura di G. Molonia.

ORAFO – ARGENTIERE F. COSIO (corso Cavour) Esposizione tematica “Antonello visto da Giorgio Vasari”.

OTTICA LUNETTES (corso Cavour) “Strumenti ottici nell’arte del XV Secolo”, a cura di C. Bernava e R. Marchese.

ASSOCIAZIONE MILLE VETRINE (via dei Mille) Riproduzioni fotografiche di opere di Antonello ed estemporanea di paesaggisti in vetrina.

ASSOCIAZIONE TOVAGLIA VOLANTE (via M. Giurba) Alle 19.30 “Colori in cucina tra passato e futuro”, lezione di cucina aperta a cura di L. Carere e R. Orlando con un’introduzione alla cucina medievale in parallelo alle tendenze gastronomiche più moderne e alle 20.45 degustazione di menù rinascimentale.

Per agevolare la partecipazione alla Notte della Cultura sono previsti il Tour Antonello (con il percorso viale Boccetta, via Garibaldi, via T. Cannizzaro e corso Cavour, ultima corsa all’una del mattino), bus Forte San Salvatore, da parcheggio Cavallotti a Forte San Salvatore, prima corsa alle 17; da Forte San Salvatore a parcheggio Cavallotti, ultima corsa alle 21,30; bus Villa Cianciafara – Zafferia, da parcheggio Zaera a Villa Cianciafara, con le corse in andata alle 19-20-21 e ultima corsa di ritorno alle 22; bus San Placido Calonerò (Pezzolo): da parcheggio Zaera a San Placido Calonerò, corse in andata alle 19-20,45 e corse di ritorno alle 20-21,30.

Tram, ultima corsa da Gazzi alle 23.30 e ultima corsa da Annunziata alle 00.,15. I parcheggi gratuiti Zaera (Villa Dante), Cavallotti e La Farina rimarranno aperti fino alle 3.

I ristoranti che hanno aderito all’iniziativa dei “Menù Antonelliani” sono “La dolce Vita” in piazza Duomo 14, “Bouchon” in via San Camillo 14, “L’altro orso” in via Placida 22, “La Durlindana” in via Nicola Fabrizi 143, “L’Antica Badia Fuori Porta” in via Cavalieri della Stella 11/13, Trattoria “Morello” in via XXIV Maggio 10, Hostaria “Disio” a Parco degli Ulivi in Contrada Romeo a Villafranca Tirrena, “Hosteria del Campanile” in via Loggia dei Mercanti 7, “Il Ficodindia” in via Placida 15, “Hostaria da Bacco” in via Cernaia 11, “Il Siciliano” in via Cesare Battisti 26, “Le Giare” in via Santa Caterina 17 a Itala Superiore, Brew Pub “I Cinque Malti” a piazza Duomo, 8, Ristopub Birrificio “Krithè” in via degli Amici 2, Associazione “La Tovaglia Volante” in via Mario Giurba 2, la Libreria “Feltrinelli” in via Ghibellina 32, il Palacultura, a cura dell’Ist. di Istr. Superiore “Antonello”, e Villa Cianciafara (Zafferia) con degustazione di dolci rinascimentali inseriti nei “Menù di Antonello” a cura di L. De Rosa.

Tutte le informazioni sono disponibili sui siti www.cittadimessina.it alla sezione News e www.comune.messina.it. Eventi collaterali collegati al programma del primo appuntamento delle Notti della Cultura all’indirizzo: http://www.cittadimessina.it/notticultura2014/effetti collaterali.pdf.