Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Truffe e raggiri ko, ecco il nuovo sito dell’Unione Consumatori

Che ci piaccia o no, siamo tutti consumatori. In questa giungla metropolitana di truffe e raggiri da schivare, tasse da pagare e diritti da pretendere, dà sollievo ricordare le attività dell’Unione Nazionale Consumatori, presente a Messina dal 1994.

E stamane nella sede di via San Filippo Bianchi si è svolta la conferenza stampa di presentazione del nuovo sito internet www.consumatori.messina.it.

Un indirizzo assolutamente da scrivere in agenda e da salvare tra i preferiti, un faro acceso sul buio ostile della burocrazia a tutela del consumatore. Sulla pagina iniziale del sito una divisione dettagliata per argomenti. Dai consigli per evitare le bufale durante i saldi, alla guida per l’usato auto garantito, passando per le norme a tutela della privacy e molto altro tra cui, necessariamente in primo piano, tutto ciò che riguarda la preoccupazione principale dei contribuenti in questo inizio d’anno: il Tributo Comunale sui rifiuti e sui servizi, meglio conosciuto come TARES.

Il sito web del Comitato messinese dell’Unione Nazionale Consumatori dedica ampio spazio all’argomento ed è una risorsa utilissima per chiunque desideri chiarimenti al riguardo, tra cui quelli relativi alla possibilità di esenzione e ai moduli da scaricare per ogni esigenza specifica. Ma soprattutto, permette di calcolare in pochi secondi l’esatto ammontare da pagare, semplicemente inserendo il numero di componenti del nucleo familiare e l’estensione in metri quadri dell’immobile di riferimento, senza dimenticare l’eventuale sconto per chi produce almeno 7 chili al mese di differenziata.

Quanto al polverone sollevatosi sulla vicenda TARES il presidente dell’UNC di Messina Mario Intilisano consiglia di essere cauti nel presentare ricorso alla Commissione tributaria. Essendo l’esito piuttosto incerto, il rischio è quello di affrontare spese legali inutili. Lo stesso Intilisano invoca piuttosto l’assoluta necessità di aprire un tavolo di concertazione che consenta alle associazioni dei consumatori e degli esercenti di dialogare con l’Amministrazione Comunale per apporre i correttivi necessari, tenendo conto delle istanze di entrambe le parti.

Sempre durante l’incontro di stamattina è stata presentata da Valentina Cardile, responsabile regionale servizi turistici e trasporti dell’UNC Sicilia, l’anteprima del progetto CAMBIA-MENTI. Infatti, a breve su www.consumatori.messina.it sarà disponibile il bando per la selezione di 100 famiglie messinesi che parteciperanno a una serie di iniziative e laboratori teorico-pratici studiati per diffondere e promuovere modelli di vita eco-sostenibili.

Nello specifico, le famiglie selezionate impareranno a gestire correttamente lo smaltimento dei rifiuti, a risparmiare sulle bollette di acqua e luce, a prendersi cura di un orto domestico e addirittura a produrre detergenti fatti in casa, economici ed ecologici. “Tutto questo perché -ha sottolineato la Cardile- il nostro attuale stile di vita ci porta a consumare più risorse di quante il pianeta possa offrire e perché è proprio partendo dalle basi, dal modo in cui ci comportiamo dentro casa nostra che avremo modo di assistere, senza dubbio, a un cambiamento di più ampia portata”.