Tram a rischio per le palme di viale san Martino

Palma viale San Martino 16 8 2014
Rami di palma caduti in viale San Martino

Non c’è pace per le palme in città. Prima la decimazione dovuta al punteruolo rosso, adesso i fili dell’alta tensione della tram in viale San Martino. A dare l’allarme il consigliere UDC Libero Gioveni, che in un’interrogazione rivolta al sindaco di Messina Renato Accorinti e all’assessore all’Ambiente Daniele Ialacqua chiede interventi immediati e, soprattutto, la calendarizzazione degli stessi.

“Se da un lato in diverse zone della città ormai la questione delle palme a rischio crollo a causa del punteruolo rosso rappresenta un autentico allarme, dall’altro, lungo la tranvia del viale San Martino, è una vera emergenza.

Il riferimento non è soltanto alle recenti e consecutive cadute di due palme (che per fortuna non hanno causato conseguenze

a persone e cose), ma anche e soprattutto alla presenza troppo ravvicinata delle stesse con i cavi dell’alta tensione della tranvia.

In moltissimi punti del lungo tratto compreso fra piazza Cairoli e viale Europa, in particolare dall’incrocio con via Maddalena, si possono notare le lunghe foglie di parecchie palme addirittura al di sotto della linea elettrica e comunque a contatto con essa”.

Nell’interrogazione Gioveni sottolinea la situazione di rischio per l’incolumità pubblica, oltre ovviamente ai disagi derivanti da un’eventuale interruzione del tranviario “in caso di tranciatura della linea elettrica”. L’esponente UDC ricorda i giorni di fermo del tram a marzo 2012 a causa dell’interruzione della linea per un incidente, puntualizzando che non si riescono a comprendere i criteri adottati dall’assessorato nella pianificazione dei lavori di rimozione o potatura delle palme pericolanti, vista la decisione presa di iniziare da piazza Municipio”.

mm

Francesca Duca

Ventinovenne, aspirante giornalista, docente, speaker radiofonica. Dopo una breve parentesi a Chicago, torna a preferire le acque blu dello Stretto a quelle del lago Michigan. In redazione si è aggiudicata il titolo di "Nostra signora degli ultimi" per interviste e approfondimenti su tematiche sociali che riguardano anziani, immigrati, diritti civili e dell'infanzia.Ultimamente si è cimentata in analisi politiche sulle vicende che animano i corridoi di Palazzo Zanca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.