Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Torrenti, Gioveni: “Interventi urgenti a San Filippo Superiore”

Il torrente San Filippo
Il torrente di via Fiumarello

Alvei soffocati da detriti e vegetazione.

La stagione delle piogge si avvicina e il consigliere comunale Libero Gioveni lancia l’allarme per i torrenti San Filippo e per quello di via Fiumarello.

In una nota inviata stamane al sindaco Renato Accorinti, all’assessore alla Protezione Civile Filippo Cucinotta e all’Ingegnere capo del Genio Civile di Messina Gaetano Sciacca, l’esponente UDC segnala il grave stato di pericolo generato dai due corsi d’acqua totalmente ostruiti.

“Probabilmente -scrive Gioveni- tra i numerosi torrenti cittadini, quello di San Filippo Superiore e quello coperto di via Fiumarello che in esso si innesta attraverso un grosso canale di scolo sottostante, non richiamano la necessaria attenzione allo stesso modo di tanti altri.

Avendo appurato personalmente lo stato dell’alveo gonfio di materiale detritico (oltre che della quasi naturale presenza di vegetazione), non posso non manifestarvi la mia preoccupazione per l’elevato livello di criticità che entrambi i torrenti di San Filippo Superiore rivestono.

In particolare, il torrente coperto di via Fiumarello, sfociando in quello principale ad una quota più bassa, crea un pericolosissimo tappo che indubbiamente non lascia presagire nulla di buono alle prime abbondanti piogge.

A peggiorare le condizioni del torrente Fiumarello ci pensa senz’altro la vasca di decantazione posta a monte, ma che allo stato attuale non può esercitare appieno la sua funzione per la pericolosissima presenza di materiale franoso proveniente dal vicinissimo costone, pronto a sigillare la bocca del canalone di scolo.

Risulta facile immaginare le

conseguenze di una simile eventualità visto che la strada soprastante (la via Fiumarello appunto) in cui sostano parecchie auto dei residenti, con l’ostruzione del canale, sarebbe sommersa dal flusso delle acque”.

Un'altra foto del torrente San Filippo

Gioveni ricorda che i lavori di messa in sicurezza del torrente San Filippo sono stati ultimati non più di 4 anni fa. A realizzarli, con una spesa di un milione 360 mila euro, la “Galasso Costruzioni SpA” e segnala che sembra evidente dallo stato in cui versano i due torrenti che dal 2009 ad oggi non è più stato effettuato alcun intervento di pulizia e manutenzione.

Ad Accorinti, Cucinotta e Sciacca Gioveni chiede “l’adozione dei provvedimenti necessari per la messa in sicurezza dei torrenti San Filippo e Fiumarello per preservare i residenti di San Filippo Superiore da eventuali rischi per la propria incolumità”.

E proprio sabato scorso, nella relazione presentata alla città, l’assessore Cucinotta ha specificato che quando si è insediato ha trovato “l’Ufficio Torrenti senza un capitolo di spesa, completamente inefficiente e con responsabilità poco chiare”.

In conferenza stampa l’esponente della Giunta Accorinti ha indicato tra i propri primi atti la “riattivazione dell’ufficio torrenti e l’avvio di interventi pianificati su tutto il territorio, grazie anche ad un accordo di collaborazione con l’ESA per uomini e mezzi” messi a disposizione gratuitamente, mentre il Comune pagherà solo il gasolio.

Sempre riguardo ai torrenti, Cucinotta ha anche indicato che tra gli atti in fase di organizzazione per essere avviati ci sono anche la pulizia e la messa in sicurezza di tutti e 72 i torrenti cittadini e le demolizioni di passerelle e strade di attraversamento pericolose secondo le indicazioni del Genio Civile”.

Francesca Duca

Ventinovenne, aspirante giornalista, docente, speaker radiofonica. Dopo una breve parentesi a Chicago, torna a preferire le acque blu dello Stretto a quelle del lago Michigan. In redazione si è aggiudicata il titolo di "Nostra signora degli ultimi" per interviste e approfondimenti su tematiche sociali che riguardano anziani, immigrati, diritti civili e dell'infanzia.Ultimamente si è cimentata in analisi politiche sulle vicende che animano i corridoi di Palazzo Zanca.