Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Terremoto1908. Un nuovo DNA per i messinesi di oggi

Vittime terremoto 1908MESSINA. Un DNA diverso da quello dei nostri antenati. Modificato dal gas radon che si è sprigionato durante il terremoto del 28 dicembre del 1908. Un’equipe di biologi coordinata da Calogero Ciaccio (fondatore della Banca del cordone ombelicale di Sciacca) e Michela Gesù, dopo aver notato un’anomalia piuttosto rara studia da qualche anno il DNA dei messinesi. Negli uomini una parte di DNA, il sistema HLA, si occupa di intrattenere i rapporti con l’ambiente e risente di eventuali condizioni in cui un soggetto è costretto a vivere. Una molecola, chiamata HLA-DRA11, è presente in quantità piuttosto alta nella popolazione messinese, mentre si abbassa drasticamente più ci si allontana dall’area dello Stretto.

Vittime terremoto 1908 bSecondo questi studiosi, l’aumento di questa molecola nel DNA dei messinesi, e in parte anche dei reggini, è addebitabile all’emissione del gas radon sprigionatosi dalla terra subito dopo il terremoto e forse ancora presente in città a causa di alcune fessure che dal sottosuolo lo immettono nell’aria che i messinesi respirano.

Le ricerche portate avanti dal team di biologi hanno già attirato l’attenzione di importanti media americani, come la rivista scientifica Nature Genetics e le attenzione della comunità scientifica mondiale, che però ancora non si pronuncia.

Terremoto 1908, fotografiSecondo le prime teorie ipotizzate, il DNA dei messinesi si sarebbe quindi modificato per difendersi dall’emissione del radon e avrebbe anche sviluppato una maggiore resistenza ai tumori ai polmoni.

Quest’ultimo dato sembrerebbe confermato dal numero ridotto di messinesi e reggini che sviluppano un tumore ai polmoni o alle vie respiratori.

Se confermata, questa ipotesi sarebbe rivoluzionaria perché dimostrerebbe che il DNA degli esseri umani può mutare in brevissimo tempo per difendersi da condizione ambientali avverse.

Antonio Maimone

Laureato in giornalismo all'Università di Messina. Ha sempre avuto la passione per il calcio e per lo sport in generale. Ha collaborato con diverse redazioni sportive e per Sicilians vi porterà all'interno di tutte le realtà sportive locali e regionali, facendo ogni tanto qualche passaggio in cronaca.