Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Terme Vigliatore – Incendio di un negozio cinese. I carabinieri arrestano 30enne

I Carabinieri della Stazione di Terme Vigliatore, guidati dal maresciallo Antinino Sottile, hanno dato esecuzione alla misura di sicurezza provvisoria emessa dal G.I.P. il Tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto a carico del 30 enne L.M.C., già noto alle forze dell’ordine, fortemente indiziato del reato di danneggiamento a seguito di incendio.

Il provvedimento cautelare scaturisce dall’attività investigativa condotta dai Carabinieri della Stazione di Terme Vigliatore, coordinate dalla Procura della Repubblica di Barcellona Pozzo di Gotto, nell’ambito delle indagini delegate a seguito dell’incendio di un’attività commerciale di proprietà di cittadini cinesi avvenuto  Terme Vigliatore la mattina 22

dicembre 2020. Incendio che distrusse interamente l’attività, causando profondo sconcerto nell’opinione pubblica. Le indagini, effettuate anche attraverso l’acquisizione e la visione delle immagini dei sistemi di videosorveglianza presenti nella zona, nonché con l’elaborazione dei tabulati telefonici, hanno consentito di accertare la presenza del 30enne sul luogo dell’incendio. Inoltre, all’esito della perquisizione domiciliare effettuata nell’immediatezza dei fatti nell’abitazione dell’indagato è stata rinvenuta una bicicletta uguale a quella utilizzata dall’uomo ripreso dai sistemi di videosorveglianza analizzati nei pressi dell’esercizio commerciale nell’arco orario dell’incendio.
L’uomo, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria è stato pertanto arrestato dai militari e sottoposto alla misura di sicurezza provvisoria presso una struttura sanitaria.

Carmelo Amato

Barcellonese doc, il giornalismo è la sua ragione di vita. Indistruttibile, infaticabile, instancabile, riesce a essere sul posto “prima ancora che il fatto succeda”. Dalla cronaca nera allo sport nulla gli sfugge. È l’incubo degli amministratori di Palazzo Longano, che se lo sognano anche di notte e temono i suoi video e i suoi articoli nei quali denuncia disservizi e inefficienze e dà voce alle esigenze dei suoi concittadini. Sconfina spesso a Milazzo e dintorni.