Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Telefonate lunghe e dolci agli amici

Cara Contessa, di tanto in tanto mi piace scambiare due parole al telefono con le mie amiche. Con la maggior parte di loro va tutto bene, perché come me non amano dilungarsi troppo. Due di loro invece sono terribilmente logorroiche e quando iniziano a parlare non la smettono più. Quanto deve durare una conversazione prima che si possa salutare e chiudere?  Valeria R.

Gentile Valeria, anche secondo il bon ton non esistono limiti per le conversazioni se non quelli del buon senso. Se si è tra amiche intime e se entrambe sono d’accordo, si può stare al telefono anche un paio d’ore. Se invece dall’altro lato del filo c’è una conoscente o un’amica chiacchierona, l’unica possibilità è essere la prima a chiamare: in questo caso sarà lei a decidere quanto durerà la conversazione e dopo 10 minuti potrà chiudere senza provare alcun rimorso o essere stata scortese.

Gentile contessa, ho sentito dire che quando si è invitati a pranzo o a cena da amici non si porta mai il dolce. E’ vero? Io l’ho sempre fatto: è grave? Grazie, Annalisa F.

Gentile Annalisa, è proprio così: andare a casa di una persona con dei dolci o altro cibo è ritenuto scortese perché sarebbe una sorta di dichiarazione di incapacità della padrona di casa, implicitamente ritenuta incapace di preparare o comprare un dolce. Quindi, se va a casa di conoscenti o amici non troppo intimi si limiti ad una bottiglia di vino o ad un pensierino se è una ricorrenza. Se invece la sua ospite è una persona a lei vicina, non si crei problemi e le chieda apertamente se le fa piacere che sia lei a portare un dolce.

Avete dubbi di galateo e non sapete come comportarvi? Scrivete alla Contessa Lara indirizzando le e-mail a: redazione.messina@sicilians.it

Contessa Lara

Contessa Lara è il nom de plume di una gentildonna messinese che non ama mettersi in mostra. Fedele agli insegnamenti della sua gioventù (le signore compaiono sui giornali solo tre volte: quando nascono, quando si sposano e quando muoiono) ha deciso di collaborare con noi, ma con discrezione. Ovviamente abbiamo accettato con gioia, sicuri che la sua competenza sarà un prezioso aiuto per chi già conosce le buone maniere e per chi invece ha ancora molta strada da percorrere sulle impervie vie del saper vivere.