Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Teatro. Al Forte San Salvatore “Shakespeare Horror Story”

Shakespeare_horror_storyL’anniversario dei 400 anni della morte di Shakespeare a Messina, si festeggia a Forte San Salvatore con gli allievi attori della Scuola Sociale di Teatro. Per la prima volta nella storia recente della nostra città, Forte San Salvatore apre le sue porte al teatro con uno spettacolo del regista messinese Daniele Gonciaruk. Shakespeare Horror Story, questo è il titolo dello spettacolo itinerante che ieri ha preso vita negli spazi di uno dei luoghi più suggestivi della città per omaggiare il grande drammaturgo inglese e la ricorrenza dei quattrocento anni dalla sua morte. Lo spettacolo-evento, ideato e diretto dal regista messinese (sebbene ormai da diversi anni svolge la sua attività tra Messina e Roma) Daniele Gonciaruk, è un viaggio diviso in 24 stazioni, che attraversa alcune delle pagine delle più famose tragedie shakespiriane. Da Re Lear ad Amleto, da Riccardo III ad Otello, da Romeo & Giulietta a Macbeth, tutte legate da un denominatore comune: l’orrore. L’orrore e l’abisso dell’animo umano così come, l’insuperabile bardo inglese (ma che leggenda vuole essere messinese) ha potuto descriverlo nelle sue tragedie.

A fare da collante alle principali opere di Shakespeare, sarà un’ altra opera del drammaturgo inglese, la sua prima e più crudele tragedia (ma anche meno conosciuta): Tito Andronico, che accompagnerà lo spettatore nel vortice della sua trama assassina e nel fango dei suoi torbidi sentimenti, fino al

tragico finale.

Lo spettacolo, che nasce anche e soprattutto grazie alla preziosa e indispensabile collaborazione con il Comando della Marina Militare di Messina, prende vita da un intenso laboratorio durato ben otto mesi, e vede in scena ben 35 allievi appartenenti ad ogni età, dai 14 ai 75 anni, della Scuola Sociale di Teatro, nata in seno all’associazione Officine Dagoruk di cui il regista messinese è la guida principale. Un evento unico che rimarrà negli annali della città come il primo spettacolo di prosa a realizzarsi dentro Forte San Salvatore, che per l’occasione diventa la perfetta cornice dove incastonare le tragiche, ma straordinarie vicende dei personaggi shakespiriani. Un eccezionale connubio tra l’eccelsa drammaturgia del più grande autore teatrale di tutti i tempi e uno spazio che da solo è in grado di raccontare secoli di storia.

Lo spettacolo che è patrocinato dal Comune di Messina e dall’assessorato alle Politiche culturali, ha debuttato in prima nazionale il 9 luglio e proseguirà fino al 17 con repliche il venerdì, il sabato e la domenica. Solo 50 spettatori a sera potranno assistere ad ogni rappresentazione. Gli spettatori inoltre, inizieranno il loro “viaggio” dalla stazione centrale alle 20:15 con un pullman messo a disposizione dalla produzione. I biglietti portano essere acquistati presso il botteghino del Teatro Vittorio Emanuele. Obbligatorio sarà inoltre rilasciare il proprio nome al momento dell’acquisto (che dovrà essere effettuato almeno 24 ore prima dell’inizio dell’evento), visto appunto, la particolarità del luogo di rappresentazione. E già si prevede il tutto esaurito.