Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#TaorminaOperaStars. Il 19 agosto Giovanni Sollima al Teatro Antico

Taormina Stars OperaIl festival dell’opera lirica ideato dal maestro Enrico Stinchelli si conferma una sorta di X Factor della musica più elevata. Il violoncellista Giovanni Sollima sarà protagonista il 19 agosto al Teatro Antico di Taormina di The Rite of Rock.

Uno spettacolo musicale che propone un viaggio nella musica del ‘900, da Stravinsky fino al rock progressive. Al fianco di Sollima tre valenti giovani e affermati musicisti: Monika Leskovar (violoncello, vincitrice di numerosi premi internazionali), Giuseppe Andaloro (pianoforte, vincitore nel 2005 del prestigioso Concorso Busoni) e Giuseppe Gullotta (pianoforte, poliedrico esecutore a livello internazionale).

Taormina Opera Stars andrà in scena dal 15 al 20 agosto sul palcoscenico della cavea del Teatro Antico. Il programma di Sollima è una sorta di incontro-scontro. Sollima è considerato un vero virtuoso del

violoncello. Suonare per lui è un autentico mezzo per comunicare con il mondo. Riesce a dialogare con l’animo degli spettatori attraverso una musica dai ritmi mediterranei e dalla vena melodica tipicamente italiana, riuscendo, al contempo, a raccogliere tutte le epoche, dal barocco all’heavy metal.

Il cartellone di Taormina Opera Stars offre 6 spettacoli indimenticabili all’insegna della grande musica che sono stati presentati alla taverna Flavia di Roma nei giorni scorsi. In programma Nabucco, Traviata e Aida di Giuseppe Verdi, realizzati con allestimenti inediti all’insegna dell’innovazione a cura di Enrico Stinchelli, uno dei più noti e apprezzati registi, profondo conoscitore del melodramma e dei suoi interpreti.

Oltre alle opere tre grandi concerti: la Nona Sinfonia di Beethoven, il Galà L’Italia  incanta con le più belle melodie interpretate dalle grandi voci internazionali e la serata della quale sarà protagonista Sollima. Il progetto nasce dall’associazione Aldebaran di Taormina, diretta dal maestro Maurizio Gullotta e da Antonio Lombardo.