Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

TaoArte 2011, viva l’Italia

Il direttore della sezione prosa di TaoArte Simona Celi

Mentre la macchina del Taormina Film Fest è pronta a partire, per la stagione di musica e di prosa di Taorarte mancano solo gli ultimi ritocchi. Ovviamente non mancano i riferimenti all’Unità d’Italia. Quest’anno la rassegna di musica curata da Enrico Castiglione propone come serata clou il “Nabucco” di Verdi, opera simbolo del nostro Risorgimento, in scena il 5, 9 e 13 agosto al Teatro Antico. L’opera, trasmessa in mondovisione da Rai Corporation, sarà interpretata da Juan Pons, Maria Guleghina, Chiara Taigi, Francesco Ellero D’Artegna, Francesca Franci, Angelo Nardinocchi, Luca Casalin, Aldo Orsolini e Maria Cioppi. A dirigere i cantanti ed il coro “Francesco Cilea” di Reggio Calabria Pier Giorgio Morandi, mentre la regia sarà dello stesso Castiglione. 

Ma rispetto al 150° anniversario dell’Unità d’Italia anche la sezione di prosa diretta da Simona Celi farà la sua parte. Dopo un doveroso omaggio alla drammaturgia europea con “Grimmless” diretto da Stefano Ricci in scena il 9 luglio al Palazzo dei Congressi ed una lectio magistralis di Vittorio Sgarbi il 15 luglio al Teatro Antico ideata proprio per la kermesse taorminese e dedicata al rapporto tra omosessualità e arte, il cartellone proseguirà il 17 luglio con “Cannibardo”: storia di Garibaldi e della Sicilia post-unitaria attraverso brani tratti dai romanzi storici di Andrea Camilleri ed interpretata da Massimo Ghini, Mimmo Mignemi e Vincenzo Crivelli

Il 20 luglio omaggio a Eduardo De Filippo con “Padre Cicogna” con un inedito del drammaturgo napoletano per 4 voci, voce recitante (Luca De Filippo) e orchestra, in questo caso quella del Conservatorio Corelli di Messina. Il cartellone proseguirà poi con “Guerra” di Lars Noren (23 luglio), con Anna Bonaiuto, Cristina Spina, Manrico Gammarota e Pietro Faiella. Uno dei personaggi più famosi di Dacia Maraini, Teresa la ladra, è la protagonista dello spettacolo proposto il 27 luglio interpretato da Mariangela D’Abbraccio e le cui musiche sono state scritte da Sergio Cammariere. 

Il 29-30 e 31 luglio un progetto curato da tempo da Simona Celi che finalmente vede la luce,

“Sicilia caput humanitas”, legato ai temi dell’accoglienza, dell’incontro tra culture diverse e dell’emigrazione. Sempre il 29 luglio uno dei lavori più famosi dell’attore Vincenzo Pirrotta: “Supplici a Portopalo”. Il giorno dopo ci sarà un incontro con lo stesso Pirrotta, Gabriele Vacis, Marco Baliani e Felice Cappa sulla drammaturgia civile ed il 31 luglio andrà in scena “Terra promessa! Briganti e migranti” di Baliani e Cappa.

 Un tema doloroso come quello dell’alzehimer è il protagonista di “Parole mute”, presentato il 4 agosto, un progetto speciale organizzato in collaborazione con l’Associazione Nazionale Malati di Alzheimer diretto da Francesca Vitale e con le voci fuori campo di Ottavia Piccolo e Paolo Banacelli. Il 6 agosto in prima nazionale “Lady Gray”, una riflessione sull’identità femminile di Will Eno finalista del Premio Pulitzer sezione Teatro 2005, con Isabella Ragonese. L’11 agosto “Poco, poco…anche meno” ed il 20 agosto, in collaborazione con la Regione Calabria, “Radio Argo – on air” di Igor Esposito diretto ed interpretato da Peppino Mazzotta, il “Fazio” della serie tv “Il commissario Montalbano”, che affronta personaggi complessi come la dinastia degli Atridi. 

 Il 25 agosto “Amleto”, adattato e diretto da Maria Grazia Cipriani con Alex Sessatelli, Elsa Bossi, Giacomo Vezzani, Nicolò Belliti, Giacomo Pecchia, Carlo Gambaro e Andrea Jonathan Bertolai. Gran finale il 27 agosto con uno spettacolo in esclusiva per la Sicilia, “Rugantino”, la celebre commedia di Garinei e Giovannini interpretata da Enrico Brignano

Stefano D'Anna

Visto il successo ottenuto l’anno scorso e grazie alla collaborazione con l’amministrazione comunale, anche per il 2011 il cartellone estivo di Taormina Arte dà grande spazio al jazz. La rassegna si aprirà il 18 luglio con il sassofonista siciliano Stefano D’Anna, accompagnato alla chitarra da Fabrizio Brusca, al basso da Matteo Marongiu e alla batteria da Marcello Pellitteri. A seguire il 20 luglio “Fly”, proposto dal trio Turner-Grenadier-Ballard. Il 21 luglio sarà la volta di “The Bad Plus”, con Ethan Iverson, Reid Anderson e David King, mentre il 23 luglio toccherà al “Nir Felder Quartet” suonare nella suggestiva cornice del Parco dei Duchi di Santo Stefano. Infine il 24 luglio serata finale con Eddie Gomez, Salvatore Bonafede e Joe La Barbera.