Nina da Messina, prima poetessa in lingua volgare e madre della lingua italiana

Quando si pensa all’epoca dell’amor cortese si immaginano menestrelli o nobiluomini che compongono versi per giovani pulzelle timorose e ignare della vita pubblica, con l’unico obiettivo di conquistarle per puro diletto. Ma in un periodo storico tormentato da guerre e crociate non sempre gli uomini avevano il tempo di invocare

Leggi tutto