Dall’Università di Messina un software per studiare i cetacei

Un software per valutare le dimensioni dei capodogli partendo dai segnali emessi. A metterlo a punto Francesco Caruso, dottorando dell’Università di Messina in “Scienze Ambientali: Ambiente Marino e Risorse”, sotto la guida di Giorgio Riccobene (LNS-INFN), responsabile scientifico del Progetto SMO, finanziato in ambito MIUR-Futuro in Ricerca. Del team fanno parte

Leggi tutto