Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Svincoli, Buzzanca ha firmato l’ordinanza per il giunto

Il sindaco Buzzanca e l'assessore Vecchio

L’ha detto e l’ha fatto. Oggi pomeriggio, poco dopo le 6, forte del proprio ruolo di Commissario straordinario per le emergenze, il sindaco Buzzanca ha firmato l’ordinanza per il montaggio del giunto che collegherà lo svincolo di Giostra al viadotto Ritiro. “Dal momento in cui l’impresa inizierà a lavorare saranno sufficienti una quindicina di giorni per concludere il tutto” commenta al telefono il primo cittadino, incurante delle critiche che piovono in merito ai problemi di sicurezza che presenta il viadotto Ritiro. 

A puntare i piedi soprattutto il Genio Civile. Da tempo l’Ingegnere Capo Gaetano Sciacca punta il dito contro l’alto costo di questa operazione, oltre 6 milioni e mezzo di euro. “Basterebbe spostare il raccordo qualche metro più sopra -ha spiegato proprio nei giorni scorsi al nostro giornale- e si risparmierebbero almeno 5 milioni. Ma la vera urgenza è la messa in sicurezza del viadotto, per la quale è necessario intervenire immediatamente per evitare tragedie future”. 

Lo scontro tra Buzzanca e Sciacca va avanti da tempo. Ieri, durante il sopralluogo agli svincoli, l’assessore regionale alle Infrastrutture Andrea Vecchio ha cercato di buttare acqua sul fuoco dichiarando che “tra gli uffici competenti è sorta un’incomprensione e l’assessore regionale si è permesso di interpretare il loro pensiero. Nessuna mediazione particolare, perché ormai l’opera è a conclusione. Lo svincolo di Giostra si aprirà non appena saranno fatti i lavori per mettere in sicurezza il viadotto e ciò avverrà in tempi brevissimi. Piuttosto -ha aggiunto Vecchio sposando l’attenzione su un altro aspetto della realizzazione degli svincoli- dovremmo chiederci perché all’estero un’opera simile si realizza in dodici mesi e da noi sono occorsi trent’anni. È il sistema dei veti incrociati, che allunga i tempi di un’opera giusta ed estremamente utile alla collettività”. 

Visti gli scontri all’arma bianca tra Buzzanca e Sciacca, parlare di “incomprensioni” è decisamente troppo riduttivo. Resta da vedere, visto che il Genio Civile non ha rilasciato alcuna autorizzazione per la posa del giunto perché non prevista dal progetto originario presentato, se effettivamente l’ordinanza di Buzzanca, che entro venerdì formalizzerà le proprie dimissioni, sarà poi concretizzata.