Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Svaniti nel nulla veicoli sequestrati, sette denunce

Sono sette le persone denunciate dal Nucleo Radiomobile di Messina per violazione dei doveri relativi la custodia dei beni sottoposti a sequestro da parte dell’Autorità amministrativa per altrettanti responsabili di veicoli sottoposti a vincolo dopo violazioni del Codice della Strada.

Nel corso di diversi controlli, i carabinieri hanno registrato la scomparsa di alcuni veicoli sequestrati perché guidati senza la necessaria copertura assicurativa, che in attesa della definizione del procedimento di confisca e alienazione da parte della Prefettura erano stati affidati in custodia agli stessi trasgressori o ai proprietari.

Questi ultimi, avevano dichiarato di avere la disponibilità di un luogo non soggetto a pubblico passaggio dove poterli controllare e preservare con efficacia.

I mezzi, invece, spesso abbandonati in strada, con il passare del tempo sono spariti senza che nella maggior parte dei casi sia stato denunciato il furto. Uno dei segnalati, probabilmente non riuscendo a sopportare oltremodo il peso delle responsabilità derivanti dalla custodia del veicolo già confiscato, ha personalmente provveduto alla demolizione senza né esserne autorizzato né avendo prima informato le autorità competenti.

Dovrà rispondere dello stesso reato anche un giovane messinese cui era stato precedentemente sequestrato l’impianto stereo della macchina dopo che guidava in centro in piena notte con la musica a tutto volume e i finestrini abbassati.

Denunciato in quell’occasione

dall’equipaggio di una gazzella per il reato di disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone, una volta definita la condanna i carabinieri si sono presentati a casa del giovane, che ha dichiarato che lo stereo era stato distrutto mesi prima per un allagamento dei locali dove era custodito. Immediata l’ulteriore denuncia a carico del ragazzo per sottrazione di beni sottoposti a sequestro nel corso di un procedimento penale.

Inoltre, nell’ambito dei recenti servizi di controllo del territorio mirati al contrasto al fenomeno degli stupefacenti, il Nucleo Radiomobile di Messina ha denunciato altri due giovani per guida in stato di alterazione psico-fisica per uso di sostanze stupefacenti, segnalandoli contestualmente alla Prefettura di Messina.

I due ragazzi, osservati da una gazzella in servizio nel centro cittadino mentre ciascuno a bordo del proprio veicolo raggiungevano piazza del Popolo per incontrarsi, sono stati visti parlare in atteggiamento sospetto. Fermati dai militari dell’Arma per un opportuno controllo di polizia, entrambi sono stati trovati in possesso di stupefacente: una dose di cocaina il primo e una dose di hashish il secondo. Visto peraltro che presentavano sintomatologie tali da lasciar presupporre un stato di alterazione dovuto al narcotico assunto, i giovani sono stati invitati a sottoporsi ad accertamenti per verificare la loro effettiva capacità di guida, ricevendo in risposta un netto rifiuto. Per i due, oltre al ritiro della patente di guida, è  quindi scattata la denuncia penale  alla Procura della Repubblica.