Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Subaffitti in condominio

Gentile avv. Trimarchi, alcuni anni fa, con il permesso del condominio, ho chiuso una porzione del sottoscala e l’ho sono gestito come deposito per attrezzatura. Adesso l’ho concesso in locazione ad una persona che lo utilizza per una piccola attività artigianale. Qualche condomino ha obiettato che non potevo farlo. Vorrei saperne qualcosa in più. Grazie, Luciano D.

Gentile sig. Luciano, il rapporto che nasce dal contratto di locazione e che si instaura tra locatore e conduttore ha natura personale, con la conseguenza che chiunque abbia la disponibilità di fatto del bene, in base a titolo non contrario a norme di ordine pubblico, può validamente concederlo in locazione (e la relativa legittimazione è riconoscibile anche in capo al detentore di fatto) salvo che la detenzione non sia stata acquistata illecitamente.

A maggior ragione, deve considerarsi valido e vincolante anche il contratto stipulato tra chi, acquistato il possesso o la detenzione, abbia conservato tale possesso non opponendosi il proprietario.

Nel caso in esame, Lei ha sempre avuto la disponibilità della porzione di sottoscala con il consenso degli altri condomini. Pertanto il rapporto di locazione è valido e lei può tranquillamente percepire il canone relativo.

Le scale, i pianerottoli, le aree sottostanti sono parti comuni dell’edificio, ma se il condominio non si oppone, un condomino può chiudere una superficie di pianerottolo sottostante le scale condominiali e utilizzarla in via esclusiva e addirittura locarla a terzi. Così ha anche stabilito di recente  la Cassazione con la sentenza n° 15443/2011.

Per contattare l’avv. Clelia Trimarchi scrivere a clelia.trimarchi@hotmail.it