Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Spaccio di droga a Messina, in manette pregiudicato 50enne

MESSINA. Continuano le attività preventivo-repressive della Squadra Mobile. Particolare attenzione, come già accaduto nelle scorse settimane, è stata prestata al traffico illecito di droga. Nell’ambito di tale intensa attività di prevenzione e controllo del territorio, i poliziotti della Squadra Mobile, hanno effettuato un’azione dinamica culminata nell’arresto, dopo la perquisizione domiciliare, di  Pasquale Pietropaolo, 50 anni, messinese, con precedenti. Nel corso delle attività di ricerca, gli agenti hanno rinvenuto, nascosto in una busta di cellophane nel retro dell’abitazione, dello stupefacente. Il cinquantenne, infatti, aveva tentato di disfarsene all’arrivo dei poliziotti, ignaro della loro presenza lungo tutto il perimetro della casa.

Una volta dentro, personale ha iniziato a perquisire l’immobile, rinvenendo un’altra confezione contenente ulteriore droga dello stesso tipo, che le successive analisi effettuate dal locale Gabinetto di Polizia Scientifica, hanno confermato essere marijuana per un peso complessivo di 300,08 grammi. 

La perquisizione ha portato inoltre al rinvenimento di un bilancino di precisione, di una terza confezione vuota, di una pistola a salve modello 92 F munita di tappo rosso e sei cartucce calibro 38. All’interno di un comò, invece, è stata trovata la somma di 1.275 euro in banconote di vario taglio.

La droga e il restante materiale sono stati sequestrati e, in considerazione delle evidenze raccolte, Pietropaolo è stato arrestato dagli investigatori. Dopo la redazione dei necessari atti e il rituale avviso al P.M. di turno della Procura della Repubblica, il pregiudicato è stato sottoposto agli arresti domiciliari a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Il consumo di droghe è un fenomeno su cui si concentrano le attenzioni della Polizia di Stato e dei suoi organi periferici, impegnati in mirate azioni finalizzate al contrasto sia del grande traffico di stupefacenti che del piccolo spaccio. Tali attività rientrano tra le principali priorità del ministero dell’Interno e sono oggetto di continue sensibilizzazioni da parte del Capo della Polizia alle proprie articolazioni territoriali, per l’implementazione di specifici servizi per prevenire e reprimere condotte illecite in tema di droga.