#Siracusa. Sgominata banda di rapinatori che terrorizzava Pachino

arresti_pachino_20_gennaioConcluse le indagini a Pachino, provincia di Siracusa, sulla banda di giovanissimi che avrebbe commesso diverse rapine nella zona.

Gli Agenti della Polizia di Stato, in servizio presso il commissariato di Pachino, hanno provveduto a dare esecuzione a tre Ordinanze di Custodia Cautelare in Carcere nei confronti del ventisettenne Angelo Collura, del ventenne Vincenzo Assenza e del diciannovenne Francesco Civello, tutti residenti a Pachino, per i reati di rapina a mano armata e porto illegale in luogo pubblico di fucile a canne mozze e pistola.

L'indagine, coordinata dal sostituto presso la Procura della repubblica di Siracusa, Andrea Palmieri, è stata avviata alla fine del mese di ottobre 2014, a seguito di due rapine a mano armata a Pachino. In breve tempo i tre giovani hanno assaltato, armati di fucile a canne mozze e pistola, un supermercato di via Mascagni e un distributore di carburanti in Contrada Cozzicone.

La recrudescenza dei fenomeni criminosi nella zona di Pachino era cominciata a settembre 2014, diversi furti in abitazione e poi la rapina il 27 settembre a un distributore di Pachino in via Indipendenza e quella a una ditta di autodemolizioni di Rosolini il 13 ottobre.

In risposta all'aumento dei crimini si aumentano le attività di prevenzione e così le pattuglie del Commissariato di Pachino intensificavano i servizi di specifica competenza, secondo una pianificazione strategica che ha interessato in modo globale tutto il territorio di giurisdizione e quello limitrofo, con identificazioni di persone e di veicoli.

Le lunghe indagini hanno evidenziato la responsabilità dei tre giovanissimi che si è concretizzata con l'emissione e l'esecuzione delle tre misure di custodia.

Giuseppe Marino

Laureato in Giornalismo all'Università degli studi di Messina. Si occupa a tutto campo della sezione sportiva di Sicilians, con un occhio di riguardo verso il calcio nostrano. Vi racconterà di tutto e di più sull'ACR Messina e sul panorama sportivo regionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *