Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Siracusa. Nuova battaglia di Greenpeace nel porto aretuseo

Greepeace contro le trivellazioni in Sicilia (Foto Francesco Alesi per Greenpeace)
Greepeace contro le trivellazioni in Sicilia (Foto Francesco Alesi per Greenpeace)

Prima a Licata, poi a Siracusa, con lo slogan: “L’Italia non è una colonia dei signori del petrolio”. A ribadirlo sono state Greenpeace, Legambiente e WWF, ieri a Siracusa, seconda tappa del programma di iniziative organizzate in giro per l’Italia, per dire no alle trivellazioni in terra e in mare.

A bordo della nave Rainbow Warrior, ormeggiata nel porto di Siracusa, le tre associazioni ambientaliste hanno criticato i contenuti dell’articolo 38 del decreto Sblocca Italia “con il quale si rilanciano -dicono- indiscriminatamente su tutto il territorio nazionale, le attività di prospezione, ricerca e coltivazione degli idrocarburi in Basilicata e nei mari Adriatico, Ionio, Alto Tirreno e nel Canale di Sicilia.

“In particolare -proseguono- in Sicilia è in corso un vero e proprio assalto al mare da parte delle compagnie petrolifere: sono 12.908 i chilometri quadrati interessati dai cinque permessi di ricerca già rilasciati e da altre 15 richieste di concessione, ricerca e prospezione avanzate.

Questo, nonostante già oggi nel Canale di Sicilia vengano estratte (dato a fine 2013) 301.471 tonnellate, il 41% del totale nazionale del petrolio estratto in mare”.