Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Siracusa. Fondi europei per le tragedie greche, sedici indagati

Guardia di Finanza sIRACUSA_autoAvrebbero falsificato atti pubblici per ottenere contributi comunitari. Stamattina reparti delle Fiamme Gialle di Siracusa, Palermo e Roma hanno notificato 16 avvisi di garanzia a funzionari dell’INDA, dell’Assessorato al turismodella Regione Siciliana e a un revisore contabile. La cifra si aggira attorno ai due milioni di euro, concessi per le rappresentazioni classiche messe in scena nel Teatro Greco di Siracusa negli anni 2009 e 2010.

Un’altra tegola sull’Istituto nazionale del dramma antico di Siracusa, dopo gli avvisi di garanzia della settimana scorsa sull’affidamento della pubblicità ai parenti.
L’attività investigativa, coordinata dal procuratore capo della Repubblica di Siracusa
Francesco Paolo Giordano e diretta dal sostituto Magda Guarnaccia, è stata eseguita dai militari del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Siracusa.

“Si tratta – spiegano dal Comando Provinciale – di una complessa ed articolata attività d’indagine a tutela del bilancio dell’Unione Europa, scaturita da una segnalazione da parte dell’Assessorato Regionale al Turismo, in relazione a contributi comunitari relativi al Programma Operativo del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (PO-FESR) concessi per gli anni 2009 e 2010″.

Le indagini hanno messo in luce una serie di intrecci tra funzionari della fondazione

INDA e dirigenti e funzionari della Regione siciliana i quali, sempre secondo gli inquirenti, non facendo osservare tutte le prescrizioni richieste dal bando di partecipazione al finanziamento, consentivano alla Fondazione di percepire indebitamente contributi comunitari.

“L’attività investigativa – aggiungono dalla Guardia di Finanza – ha consentito di scoprire un’articolata e complessa truffa aggravata, perpetrata, anche per mezzo di falsità in atti, in concorso tra i vertici pro-tempore della Fondazione e due funzionari tutt’ora in carica presso l’INDA, un revisore contabile e dieci dirigenti e funzionari della Regione Siciliana, all’epoca dei fatti in servizio presso l’Assessorato Regionale al Turismo”.

Al termine delle indagini, il Nucleo di Polizia tributaria ha trasmesso all’Autorità Giudiziaria le comunicazioni di notizie di reato, con le quali sono state complessivamente denunciate sedici persone tra dirigenti e funzionari dell’INDA e funzionari e dirigenti del la Regione Siciliana, per i reati di truffa aggravata e falso ideologico.

I soggetti coinvolti sono: Roberto Visentin (presidente pro-tempore della Fondazione, ex sindaco di Siracusa), Enza Signorelli (consigliere delegato pro-tempore della Fondazione), Fernando Balestra (Sovrintendente pro-tempore della Fondazione), Vanessa Mascitelli (responsabile organizzativo della Fondazione), Corradina Riccioli, (responsabile amministrativo della Fondazione), Silvia Lombardo (revisore contabile) , oltre ai funzionari regionali: Dorotea Maria Piazza, Elio Carreca Elio, Giacomo Currò, Sonia Navarra, Tiziana Caccamo, Sergio Scaffidi, Marco Salerno, Margherita Modica, Carmen Cusmà, Maria Concetta Glorioso.