Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Sicilia. Violenza sulle donne: 500.000 euro mai spesi dal 2012

violenza donneFermi dal 2012 fondi regionali per mezzo milione di euro da destinare al contrasto alla violenza sulle donne. A denunciarlo è il Movimento 5 Stelle all’ARS. “Nell’era in cui i fondi pubblici sono sempre più ridotti, è assurdo scoprire che ci sono 500.000 euro posteggiati dal 2012, impegnati ma mai spesi. I fondi in questione, assegnati dalla Regione ai due Comuni di Palermo e Catania, sarebbero serviti al contrasto alla violenza di genere. Nello specifico, 50mila euro da destinare ad iniziative di prevenzione e informazione, mentre 445mila euro per bandi multiazione, ovvero da assegnare a case di accoglienza, centri antiviolenza, iniziative volte alla formazione e all’inserimento lavorativo, quindi di fatto all’applicazione di quanto previsto nella legge regionale del 2012”. La denuncia parte dalla deputata all’ARS del Movimento

5 Stelle Claudia La Rocca. Palermo e Catania, Comuni capofila dei distretti socio-sanitari D42 e D16, si erano dichiarati disponibili a presentare e realizzare una progettualità pilota, in conformità agli indirizzi della legge regionale n° 3 del 2012 (Norme per il contrasto e la prevenzione della violenza di genere) e alle linee guida operative, considerato che i distretti in questione sono gli unici in Sicilia ad avere i protocolli di rete riconosciuti dal Dipartimento pari opportunità ministeriale.

La parlamentare Cinquestelle si è imbattuta in questa vicenda dopo aver avviato approfondimenti attraverso l’assessorato regionale alla Famiglia sulla possibile chiusura del centro antiviolenza Le Onde. “Allo stato attuale, Palermo non ha nemmeno messo a bando le risorse, mentre da Catania hanno espletato il bando e individuato, a quanto pare, l’aggiudicatario ma non hanno mai avviato nulla. Questa storia è a dir poco paradossale -conclude la parlamentare Cinquestelle- stiamo già predisponendo una nota da inviare alle amministrazioni di Palermo e Catania”.