Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Sicilia. Tagli alla Sanità, i 5 Stelle: “La Regione è alla bancarotta”

5 stelle sanità“Prima l’assalto al fondo pensioni, poi quello al fondo sanitario: è la fotografia di una Regione ormai alla bancarotta, il PD e Crocetta ne dovranno dare conto ai siciliani”. Il gruppo parlamentare del Movimento 5 Stelle all’ARS è categorico sull’andamento della Finanziaria “che raschia il fondo di tutti i barili possibili, mette pezze e toppe inutili in un vestito ormai soltanto da rottamare”.

“Il taglio di 127 milioni al fondo sanitario – dicono i deputati regionali – è il risultato di una politica disastrosa e prona verso Roma, che fa la voce grossa con i piccoli ed è afona con Renzi e il suo governo. Se si fossero battuti i pugni per pretendere quello che ci è dovuto, non saremmo qui a distruggere quel po’ che è rimasto in piedi.

La Sicilia è la Regione che più di tutti contribuisce al sistema sanitario nazionale e che deve avere i famosissimi 500 milioni di euro dei gettiti Irpef ed Irap -incalzano i parlamentari 5 Stelle. Roma ci deve non meno di un miliardo e 100 milioni ed invece ci tiene al laccio e sotto costante ricatto, con i risultati che ora sono sotto gli occhi di tutti. Il taglio alla Sanità renderà impossibili le assunzioni, limitandole nella maggior parte dei casi a qualche stabilizzazione. Senza contare le probabili ricadute negative sui servizi e sulle prestazioni, già al minimo.

Solo su alcuni settori -concludono i deputati del Movimento 5 Stelle- non si riesce a tagliare. Ci riferiamo, ad esempio, ai dirigenti delle partecipate, che potranno godere di stipendi da favola, visto che hanno fatto saltare il tetto ai loro emolumenti o al no al taglio anticipato che avevamo proposto per i Consigli comunali. Cosa che avrebbe fatto risparmiare qualcosa come 38 milioni di euro”.