Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Sicilia. Sanità, Coltraro (SD): “Subito nuovo piano riorganizzativo”

Intervento cardiochirurugia Taormina sanità medici 8-11-2014“Il passo indietro sul decreto assessoriale proposto da Gucciardi, annunciato dal presidente della Regione Sicilia Crocetta e dall’assessore alla Salute Baldo Gucciardi, non basta per soddisfare le esigenze sanitarie dell’intera isola. Occorre un piano alternativo, che coniughi i diktat ministeriali alle necessità della comunità siciliana”. Giambattista Coltraro, capogruppo di Sicilia Democratica all’Assemblea Regionale Siciliana, sollecita il presidente Crocetta e l’assessore Gucciardi perché l’Isola fornisca al più presto un nuovo piano sanitario, viste le polemiche suscitate dal precedente, in cui troppi erano i tagli previsti. “Siracusa, in particolare – riprende Coltraro- rischiava di perdere parecchio in termini di assistenza ospedaliera”.
Per questo motivo, a tutela dei bisogni sanitari della popolazione siracusana, Sicilia Democratica ha istituito la figura del responsabile provinciale della
Sanità. Un ruolo che sarà ricoperto da un medico ospedaliero, il dottor Carmelo Sapia, infettivologo con esperienza quarantennale
, ex segretario aziendale della Cisl Medici di Siracusa. Sapia darà supporto all’azione regionale attraverso uno studio programmatico che serva da indirizzo alla riorganizzazione sanitaria per migliorare la rete ospedaliera, puntando soprattutto sul nuovo ospedale”.
“Affronterò questo mio impegno sulla scorta dell’esperienza maturata sul campo -ha detto Sapia. Da 40 anni ascolto la gente, pazienti che lamentano le inefficienze della Sanità. Mi rendo conto che per loro siamo i diretti interlocutori, ma siamo impossibilitati a cambiare le cose, essendo questa una prerogativa politica. Ecco che, da responsabile provinciale del settore, potrò rivestire il doppio ruolo di medico e politico, e portare avanti alla Regione Sicilia le istanze dei cittadini. Voglio dare voce a loro ed alla categoria medica, perché le varie figure professionali trovino il giusto spazio.”