Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Sicilia. Niente acqua e rifiuti ovunque: l’Isola è ko

Rifiuti_San_Saba2“Come se non bastasse la questione rifiuti a mettere in ginocchio i siciliani e i turisti che da ogni parte del mondo hanno deciso di passare in Sicilia le proprie vacanze, da qualche settimana un’altra annosa questione preoccupa i siciliani: i problemi legati al servizio idrico“. Così il deputato nazionale AP Alessandro Pagano, che lamenta l’azione offerta da chi incaricato a gestire il servizio idrico, che con sempre maggiore frequenza lascia senza acqua i cittadini e offre loro un servizio inoperoso. “Sono anni -prosegue Pagano- che il servizio idrico siciliano è inefficiente, black out e guasti sono ormai diventati una costante, un continuo disagio creato alle famiglia che per giorni e giorni vengono lasciate senza acqua. E’ incredibile l’assenza d’interventi da parte di chi incaricato a vigilare sul servizio. Come può -si chiede Pagano- il presidente della Regione Siciliana Rosario Crocetta, chiamato anche a essere garante dell’efficienza, restare

cosi indifferente difronte ad una questione cosi importante come la fornitura idrica. I disservizi non sono mancati neanche nella provincia nissena. Riesi, Mussomeli e Marina di Butera hanno avuto carenze nel servizio idrico che avrebbe dovuto garantire l’azienda Caltaqua. I cittadini lamentano costi esorbitanti per forniture idriche che non raggiungono tutti gli utenti, gli stessi utenti che spesso non trovano neanche risposte alle loro domande perché la comunicazione telefonica volutamente è interrotta, lasciandoli così non solo senza l’acqua che però poi pagheranno, ma anche senza risposte. Per un ritorno alla normalità sempre più lento. Oltre il danno quindi, la beffa. L’acqua è un bene di prima necessità e al presidente Rosario Crocetta e i suoi assessori chiediamo di vigilare su possibili speculazioni. Voglio sperare che quanto comunicato una settimana fa da Caltaqua -conclude Pagano- e cioè che erano in atto alcuni interventi per garantire il miglioramento del servizio all’utenza, non sia solo uno slogan per tenere buoni i cittadini. Le amministrazioni comunali siano più vicina alle esigenze del territorio”.