Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Sicilia. Crisi idrica, la Giunta Crocetta dichiara la calamità naturale, domani il CdM voterà lo stato di emergenza per Messina

Distribuzione dell'acqua a Messina
Distribuzione dell’acqua a Messina

Pronta la dichiarazione dello stato di emergenza per Messina. Il provvedimento sarà varato domani, durante la seduta del Consiglio dei Ministri.

Intanto il presidente della Regione Sicilia Rosario Crocetta ha convocato oggi pomeriggio la nuova Giunta. All’ordine del giorno la dichiarazione di stato di calamità naturale per la crisi idrica che dal 24 ottobre ha messo in ginocchio Messina e la richiesta al Governo Renzi del riconoscimento dello stato di emergenza. Entrambi i punti sono stati approvati dall’esecutivo di Palazzo d’Orleans.

“Mantengo gli impegni assunti con la città di Messina -ha dichiarato Crocetta, famoso nella città dello Stretto proprio per non aver mai mantenuto alcuna promessa, dai fondi per i Servizi sociali al futuro dell’Ente Teatro, passando per un prestito straordinario di oltre 30 milioni mai arrivato. Entro domani spero di incontrare tutti gli assessori per tracciare con loro le prime linee di governo che dobbiamo portare avanti in coerenza con il programma concordato con gli elettori”. Programma concordato con i siciliani nell’ottobre del 2012 e della cui attuazione non c’è traccia se non nelle interviste o sui giornali.

In ogni caso, nel pomeriggio la Giunta ha approvato altre tre delibere, che inseriscono nella richiesta di dichiarazione di calamità naturale tutte le province siciliane colpite da eventi quali frane, inondazioni e alluvioni.

 

Elio Granlombardo

Ama visceralmente la Sicilia e non si rassegna alla politica calata dall’alto. La “sua” politica è quella con la “P” maiuscola e non permette a nessuno di dimenticarlo. Per Sicilians segue l'agorà messinese, ma di tanto in tanto si spinge fino a Palermo per seguire le vicende regionali di un settore sempre più incomprensibile e ripiegato su se stesso. Non sopporta di essere fotografato e, neanche a dirlo, il suo libro preferito è “Conversazione in Sicilia” di Elio Vittorini.