Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Sicilia. Colpi di arma da fuoco contro il presidente del Parco dei Nebrodi

auto poliziaUna sparatoria è avvenuta questa notte sulla strada statale che collega i paesi di San Fratello e Cesarò. Dei malviventi hanno preso di mira il presidente del Parco dei Nebrodi Giuseppe Antoci, che viaggiava in auto insieme alla propria scorta. Diversi i colpi sparati da entrambe le parti. Un poliziotto della scorta ha risposto al fuoco, mettendo in fuga i malviventi e forse ferendone uno. Il fatto è avvenuto intorno all’una.

Giuseppe Antoci, presidente del Parco dei Nebrodi
width="300" height="225" srcset="https://i0.wp.com/www.sicilians.it/wp-content/uploads/2016/05/Giuseppe-Antoci.jpg?resize=300%2C225&ssl=1 300w, https://i0.wp.com/www.sicilians.it/wp-content/uploads/2016/05/Giuseppe-Antoci.jpg?w=480&ssl=1 480w" sizes="(max-width: 300px) 100vw, 300px" />
Giuseppe Antoci, presidente del Parco dei Nebrodi

Antoci e il poliziotto della scorta sono stati condotti all’ospedale di Sant’Agata Militello per accertamenti. Sin dall’insediamento Giuseppe Antoci, da alcuni anni alla guida del Parco dei Nebrodi, ha segnalato il vorticoso giro di somme di denaro in mano alle associazioni mafiose. Per questo motivo è sotto scorta, recentemente rafforzata con auto blindate.

Aggiornamento 10.22

Dalla Questura di Messina: “Soltanto la pronta reazione del personale di scorta ha evitato che l’episodio potesse assumere conseguenze più gravi. Indaga La Polizia di Stato con il coordinamento della Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Messina”.

Carmelo Amato

Barcellonese doc, il giornalismo è la sua ragione di vita. Indistruttibile, infaticabile, instancabile, riesce a essere sul posto “prima ancora che il fatto succeda”. Dalla cronaca nera allo sport nulla gli sfugge. È l’incubo degli amministratori di Palazzo Longano, che se lo sognano anche di notte e temono i suoi video e i suoi articoli nei quali denuncia disservizi e inefficienze e dà voce alle esigenze dei suoi concittadini. Sconfina spesso a Milazzo e dintorni.