Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Servizi sociali, la Barrile chiede lumi sulle gare non espletate

La presidente del Consiglio comunale Emilia Barrile

Nell’agone dei Servizi sociali del Comune di Messina scende anche la presidente del Consiglio comunale Emilia Barrile.

Che in una nota inviata al sindaco Renato Accorinti, all’assessore competente Nino Mantineo e al dirigente del Dipartimento Giovanni Bruno chiede lumi sulle gare ancora non espletate.

Dopo una lunghissima premessa sui servizi sociali gestiti dal Comune attraverso le cooperative (assistenza anziani e disabili, trasporto disabili, Centri di Assistenza Giovanile, asili nido e Casa Serena), tutti prorogati da gennaio

in poi più volte, la Barrile sottolinea che per legge “il bando ed il capitolato prevedono la possibilità di poter effettuare la proroga per una sola volta e che per l’indizione e l’espletamento delle gare anche per quattro mesi necessiterebbe solo di sette giorni e assicurerebbe la continuità occupazionale e il ripristino della legalità”.

Ad Accorinti, Mantineo e Bruno la presidente Barrile chiede spiegazioni sui motivi che hanno tenuto al palo le gare indette il 16 aprile scorso dal Dipartimento Sociale e per le quali l’Area Economico Finanziaria ha previsto un impegno di spesa dal 4 luglio “considerando che ciò richiederebbe un tempo limitato, eviterebbe l’interruzione dei servizi e assicurerebbe la continuità occupazionale”.