Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Servizi sociali, FP Cgil contro le coop che non pagano

Sono state pagate dal Comune ma non pagano i lavoratori e non rispondono alle richieste di incontro del sindacato. La pazienza è esaurita e la FP Cgil ha deciso di passare alle vie legali. Sul banco degli imputati le cooperative Faro 85 e Nuove Solidarietà, nei confronti delle quali la FP Cgil ha anche chiesto al dirigente dei Servizi sociali del Comune di Messina Salvatore De Francesco di bloccare il pagamento delle fatture.

Una protesta dei lavoratori dei Servizi sociali davanti a Palazzo Zanca (Foto Dino Sturiale)

“E’ inaccettabile l’atteggiamento assunto dalla cooperativa Faro 85 -dichiara Clara Crocè, segretario generale della FP Cgil di Messina. Nonostante il 20 maggio scorso abbia ricevuto 113 mila euro per l’assistenza ai disabili relativa a ottobre 2012 non abbia proceduto a liquidare lo stipendio del mese di novembre ai lavoratori.

Se la cooperativa avesse presentato le buste paga dei lavoratori al Dipartimento Servizi sociali i lavoratori, al pari dei colleghi delle cooperative Nuove Solidarietà e Nuova Presenza, avrebbero già percepito gli stipendi fino al mese di dicembre. I lavoratori sono ormai allo stremo, perché oltre ad arrancare per far fronte alle necessità quotidiane, si trovano affossati dai debiti”.

Ma oltre ai debiti che si accumulano a causa dei ritardi nel pagamento degli stipendi, i lavoratori della cooperativa Nuova Presenza hanno problemi anche con le finanziarie.

“In questi giorni -spiega la Crocè- hanno ricevuto contestazioni per non aver versato le rate della cessione del quinto dal 2011, nonostante l’azienda abbia trattenuto in busta paga le somme. Una vera e propria beffa se consideriamo che gli operatori rischiano il pignoramento dei beni da parte degli ufficiali giudiziari e l’inserimento nelle liste dei cattivi pagatori della Crif (Centrale RIschi Finanziari, ndr)”.

Ma il sindacato denuncia anche che le coop Nuove Solidarietà e Nuova Presenza hanno incassato le somme residue rimaste dal pagamento diretto degli stipendi ai lavoratori da parte del Comune, con le quali avrebbero dovuto versare delle trattenute in busta paga dei lavoratori.

“Che fine hanno fatto queste somme? -chiede il segretario generale della FP Cgil. Alcuni lavoratori lamentano il mancato pagamento del conguaglio negli ultimi 5 anni, del TFR e della tredicesima: tutte somme trattenute dalle cooperative. E’ necessario fare chiarezza e per questo abbiamo chiesto un incontro a tutti i presidenti delle cooperative uscenti. Alla nostra richiesta ha risposto solo Nuova Presenza, con la quale ci vedremo il 4 giugno, anche se è bene sottolineare che riteniamo insufficiente la disponibilità manifestata dalla cooperativa al pagamento diretto dei mesi di gennaio e febbraio e che è necessario definire il pagamento di marzo e i periodi di sospensione dei lavoratori”.