Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Serie D. Soliti svarioni difensivi, il Messina perde 2-1 contro la Turris: a nulla serve la rete di Petrilli

Foto Antonio Maimone

Il Messina perde la quarta partita stagionale. I peloritani escono sconfitti da Torre del Greco per 2-1 grazie alle reti di Cunzi e Longo. A nulla serve il gol del momentaneo pareggio di Petrilli. I peloritani riescono a tenere nel primo tempo, tutto sommato equilibrato, nella ripresa però la Turris esce alla distanza, e dopo aver fallito un calcio di rigore sfrutta ancora l’ennesimo svarione difensivo della difesa peloritana per chiudere il match. Momento nerissimo per il campionato del Messina, ancora a 4 punti in classifica dopo sei giornate.

Il primo Messina targato Biagioni scende in campo con il solito 4-3-3. Meo in porta, difesa con Dascoli e Russo sugli esterni, Cossentino e Porcaro sulle fasce. Al centrocampo manca Genevier, squalificato, al suo posto Traditi, con Bossa e Biondi ai suoi lati. In attacco tridente offensivo composto da Gambino, Petrilli e Arcidiacono. La Turris, dopo l’ottimo pareggio di Bari si schiera con Casolare, Esempio, Auriemma, Aliperta, Varchetta, Di Nunzio, Fabiano, Vacca, Longo, Cunzi, Celiento.

Primo tempo tutto sommato gradevole, con entrambe le squadre in cerca dei tre punti per dare una svolta positiva all’inizio stentato di stagione. Dopo una ventina di minuti di totale equilibrio, è il Messina a creare la prima occasione del match: scatto di Petrilli sulla linea laterale, cross al centro per l’accorrente Gambino, ma il colpo di testa della punta peloritana termina alta sopra la traversa della porta difesa da Casolare. Risponde subito la Turris al 22′ con Cunzi, che calcia da fuori area, ma la palla anche in questa occasione termina fuori. Ancora pericolosa la Turris cinque minuti più tardi con Longo, ma il suo diagonale termina al lato. La partita vive sull’equilibrio, spezzato però dalla solita dormita difensiva del Messina: Vacca si invola sulla fascia, fa secco Cossentino e serve Cunzi in area di rigore, che tutto solo davanti alla porta trafigge l’incolpevole Meo. 1-0 dunque per la Turris e corallini vicini al raddoppio al 45′ con Aliperta, che di testa colpisce in pieno la traversa. Dopo due minuti di recupero l’arbitro manda tutti a bere qualcosa di fresco vista la giornata calda a Torre del Greco.

Nella ripresa subito locali in avanti con Longo e Celiento, ma entrambi non riescono a far male a Meo. Il Messina prova a pareggiare la partita, ma nel primo quarto d’ora di gioco è solo un colpo di testa di Cossentino a impensierire minimamente la difesa avversaria. Al 15′ altro svarione di Cossentino, Longo ruba palla, si invola in area di rigore e viene atterrato da Meo, calcio di rigore per i corallini e cartellino giallo per l’estremo difensore peloritano. Dal dischetto si presenta lo stesso Longo, che calcia però alle stelle. Il Messina non sembra essere in grado di rimettere sui binari giusti il match, ma al 74′ la Turris disimpegna male, Petrilli ruba palla e calcia verso la porta dopo una cavalcata di alcuni metri, il pallone termina in rete e il Messina pareggia. I padroni di casa premono, hanno fatto qualcosa in più nella ripresa, e infatti all’84’ arriva il raddoppio: Meo sbaglia in pieno l’uscita in occasione di un calcio d’angolo e Longo ne approfitta per segnare il gol del 2-1, riscattando così l’errore dagli undici metri. Nel recupero ci prova Rabbeni, appena entrato in campo, ma il suo destro termina alto. Finisce così dunque a Torre del Greco: la Turris batte il Messina per 2-1, complici anche i soliti svarioni difensivi dei peloritani.

Foto Antonio Maimone

Giuseppe Marino

Laureato in Giornalismo all'Università degli studi di Messina. Si occupa a tutto campo della sezione sportiva di Sicilians, con un occhio di riguardo verso il calcio nostrano. Vi racconterà di tutto e di più sull'ACR Messina e sul panorama sportivo regionale.