Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Serie D. Ennesima brutta figura per il Messina, la Palmese vince 3-0: terza sconfitta consecutiva per i peloritani

Foto Antonio Maimone

Terza sconfitta consecutiva per il Messina, che a Palmi sprofonda sotto i colpi di Mistretta, Ouattara e Calivà. Nella prima parte di gara i peloritani di Oberdan Biagioni sembrano tenere bene il campo nonostante il vantaggio calabrese, mentre nella ripresa gli ennesimi errori difensivi hanno avuto la meglio. Una vergogna per il nome del Messina calcio, perché in oltre dieci anni tra Serie C e Serie D non abbiamo mai raccontato risultati del genere nonostante le tante difficoltà societarie. Giocatori che hanno sputato sangue per il Messina e che non beccavano un euro hanno fatto molta più figura di certe prime donne, anche oggi in campo, e che meriterebbero il licenziamento in tronco, visto che di dimissioni nemmeno a parlarne.

Il Messina è in crisi di gioco e risultati. Le ultime due sconfitte contro Città di Messina e Portici hanno relegato i peloritani di Biagioni in piena zona play-out, e la sfida di Palmi, contro una delle squadre più in forma del campionato nonostante gli enormi problemi societari, a dimostrazione che nel calcio non basta avere soldi, ma ci vuole molto di più per portare a casa risultati importanti. Il tecnico del Messina opta per qualche cambio nel suo 4-3-3. Meo torna a a difendere la porta del Messina, difesa con Sarcone e Dascoli sulle fasce, Porcaro e Ibojo al centro. In mediana troviamo Bossa e Traditi, a far loro compagnia ecco Genevier, rientrato dopo la squalifica. In attacco il tridente è composto da Rabbeni, Cocimano e Petrilli. La Palmese scende in campo con Barbieri, Lavilla, Gambi, Lucchese, Bruno, Cinquegrana, Calivà, Colica, Mistretta, Bonadio, Saba.

Primi minuti senza emozioni al Lopresti di Palmi, con un Messina che sembra però in grado di dire la sua contro una delle squadre rivelazione del campionato. All’11’ i ragazzi di Biagioni si rendono pericolosi con Cocimano, ma l’esterno peloritano manca l’appuntamento con il pallone. Un minuto più tardi ancora Messina in avanti con Ibojo, che ben imbeccato da Genevier non riesce a trovare la porta da ottima posizione. I peloritani si sbilanciano e Mistretta colpisce in contropiede su assist di Saba, 1-0 dunque per i padroni di casa. Il Messina stenta, la reazione chiesta dai tifosi presenti a Palmi non si vede, ed è ancora Mistretta al 34′ a rendersi pericoloso con un colpo di testa spedito però sul fondo grazie anche al pronto intervento del reparto difensivo peloritano. Quattro minuti più tardi ghiotta occasione per il Messina: cross di Cocimano e colpo di testa di Rabbeni, che però finisce sul palo. Ancora Messina con Genevier prima e Petrilli poi, ma in entrambe le occasioni Barbieri è bravo a dire di no ai tentativi dei peloritani. L’ultima occasione del primo tempo è però di marca calabrese: Calivà calcia verso la porta, ma la palla termina al lato di un niente. Finiscono così i primi 45 minuti di gioco, 1-0 per la Palmese su un Messina che avrebbe meritato sicuramente il pareggio.

Parte bene la Palmese a inizio ripresa: al 4′ Mistretta cerca la doppietta, ma spreca clamorosamente. Al 9′ Bonadio vicinissimo al raddoppio, ma il suo destro colpisce in pieno la traversa. E’ scattata molto bene dai blocchi la squadra di casa, mentre il Messina conferma di essere in tremenda difficoltà. Ci provano i peloritani ancora con Ibojo su corner di  Genevier, ma il suo colpo di testa termina fuori. Un minuto più tardi è Bossa a provarci dalla distanza, ma Barbieri devi in angolo dopo un tocco da parte di un compagno. Girandola di cambi che però non porta niente di positivo al Messina, anzi, è la Palmese ad andare in rete con Ouattara, entrato al posto di Mistretta, bravo a sfruttare l’assist di Chichidimo, altro neo-entrato tra le fila neroverdi: 2-0 e partita chiusa quando siamo al 41′. Ouattara prova a siglare la sua doppietta personale, e dopo aver fallito l’occasione spedendo il pallone fuori di testa, nell’azione seguente ruba palla alla disattenta difesa del Messina e serve Calivà che non può sbagliare, siglando la rete del 3-0 per la Palmese, la quale spedisce i peloritani nel baratro, alla terza sconfitta consecutiva. Termina qui il match del Lopresti: il Messina esce con le ossa rotte anche da Palmi, l’ennesima brutta figura per gli uomini di Biagioni, che mercoledì torneranno in campo nel recupero contro il Castrovillari al San Filippo.

Giuseppe Marino

Laureato in Giornalismo all'Università degli studi di Messina. Si occupa a tutto campo della sezione sportiva di Sicilians, con un occhio di riguardo verso il calcio nostrano. Vi racconterà di tutto e di più sull'ACR Messina e sul panorama sportivo regionale.