Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Separazione consensuale tra l’Accademia Filarmonica e la Bellini

Il presidente Uccello nella sede dell'Accademia Filarmonica
Poche righe sui social network per informare su una notizia inaspettata: dopo decenni di sodalizio ininterrotto l’Accademia Filarmonica e l’Associazione “Vincenzo Bellini” si dicono addio.
Senza troppo clamore, a questi livelli il bon ton è d’obbligo, ma con poche righe che accennano a tensioni provocate dai tagli regionali e alla sana competizione tra le associazioni musicali.
“L’anno appena trascorso -si legge nella nota- è stato difficile a causa dei tagli e dei ritardi di pagamento da parte della Regione. A questo si è aggiunto un clima di incomprensione fra le Associazioni.
L’Accademia Filarmonica (presieduta da Giuseppe Uccello, ndr), per affrontare più serenamente i molteplici impegni nei confronti dei soci e delle Istituzioni,
ha deciso di riprendere il suo cammino autonomamente, sganciandosi dall’associazione “Vincenzo Bellini” (il presidente è Giuseppe Ramires, ndr) con la quale ha condiviso un periodo di collaborazione”.
In realtà più che un periodo si parla di diversi decenni, ma il passaggio successivo riguarda la stagione musicale 2013-2014. “Tranquillizziamo i soci -si legge ancora- che le quote degli abbonamenti rimarranno invariate e che da parte nostra non ci sarà alcun impoverimento del cartellone concertistico, che sarà ricco di eventi. Crediamo inoltre che un clima di sana competizione condotta nel rispetto delle parti e della cultura musicale non potrà che giovare all’offerta culturale della città”.
Chiusa la fase delle spiegazioni si guarda al futuro, con l’annuncio che l’inaugurazione è già stata fissata per il 20 ottobre alle 18, quando all’Auditorium del Palacultura Antonello da Messina si esibirà il pianista Andrei Gavrilov, che eseguirà un programma dedicato a Chopin e Prokofiev.