Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Senza giacca e cravatta ma… in auto!

E’ il 4 marzo 2015 e il nostro sindaco Renatone sbarca in quel di Palermo all’ARS come Nino D’Angelo, senza giacca e cravatta e con un jeans e una maglietta. Strano, ma vero, non lo fanno entrare.

Il grande Renato s’infuria e con il suo vocione profondo dichiara: “… siamo ancora nel Medioevo… la dignità di una persona va rispettata… io rappresento un popolo… 250 mila persone… io rappresento Messina”.

Renatuzzo, porca miseria, dovrebbe sapere che buona parte di quelle 250 mila persone proviene come me da villaggi, perché Messina è in gran parte formata da questi ultimi.
Per esempio la riviera, sia nord che sud, è formata da piccoli borghi marinari. I pescatori della zona, pur facendo un lavoro dove non si può indossare la giacca e la cravatta, quando vanno dal professore per chiedere informazioni sul percorso scolastico del proprio figlio, si spogliano dei propri abiti consueti per indossarne uno più rispettoso sia nei confronti di chi di incontrerà (quindi il professore) sia per rappresentare al meglio la propria famiglia e quindi il figlio.
Non è Medioevo, è rispetto delle norme.
Vogliamo parlare di come andiamo in chiesa? Non credo serva. Poniamo quindi l’attenzione su RISPETTO, REGOLE ED EDUCAZIONE CIVICA, che soprattutto i politici dovrebbero conoscere.
Non facciamo in tempo a interrompere la polemica sulla mancata cravatta di Accorinti, che al Comune di Messina arrivano le Iene. E non per il sindaco ma per la presidente del Consiglio Comunale Emilia Barrile. Già, colei che al telefono si presenta così, senza nome né cognome (da registrazione telefonica del Comando di Polizia municipale).
Nuova polemica per la nostra city. La signora, ops, la presidente del Civico consesso, sostiene che il comandante della Polizia municipale Calogero Ferlisi, con il quale aveva avuto un piccolo diverbio, si sia voluto togliere un sassolino dalla scarpa multando la sua auto parcheggiata (sembra solo parzialmente) su uno stallo per disabili.
Anche in questo caso preferisco non commentare, ma continuo a sostenere soltanto di prestare più attenzione a RISPETTO, REGOLE ed EDUCAZIONE CIVICA.
 #accorintimettitiunpapillon #barriletoglitileperledalleorecchie

Mariangela Donato

Speaker radiofonica, blogger, conduttrice tv, mamma, portatrice sana di battute a raffica anche quando è giù di corda e chi più ne ha più ne metta, La Donato “viveur” è una messinese in fissa con il “savoir faire”. Su Sicilians scrive su abitudini e modi di fare soliti e insoliti, nostrani e non, prendendoli e prendendosi un po' in giro. La sua rubrica "Mi state tutti sul tacco" è la penna pettegola e pungente del nostro giornale.