Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Scontro cruciale: il Messina è chiamato all’impresa contro la Juve Stabia

Il capitano Giorgio Corona
Il capitano Giorgio Corona

Partita cruciale quella che attende domani il Messina al San Filippo: arriva la Juve Stabia, terza forza del campionato insieme al Lecce e in piena corsa per i play off.

L’avversario è certamente ostico, ma i peloritani sono chiamati all’impresa, vista la scarsità di risultati dell’ultimo periodo.

Il Messina non vince dal derby contro la Reggina ed è passato già più di un mese. Da allora prestazioni mediocri per i giallorossi, che in tre trasferte hanno raccolto altrettante sconfitte, pareggiando in casa con la Paganese per 1-1.

Fin qui il rendimento dei peloritani è stato peggiore rispetto al girone d’andata e deve evitare di staccarsi dal Melfi, anch’esso con 25 punti (2 in meno per via della penalizzazione), impegnato nella partita casalinga contro il fanalino di coda Aversa.

La Juve Stabia è tornata alla vittoria la scorsa settimana battendo la Paganese per 2-0. Le vespe venivano da due pareggi non proprio esaltanti contro Martina Franca e Reggina e giungono in riva allo Stretto per approfittare dello scontro diretto tra Casertana e Lecce. Il Messina spera di poter recuperare a pieno Mancini, che da due giorni accusa un problema ai tendini.

Le due squadre si sono affrontate complessivamente otto volte al Celeste. La Juve Stabia ha cambiato denominazione parecchie volte nella sua storia e tra il 1929 ed il 1952, quando il nome era Stabia, le squadre si sono incontrate cinque volte. Tutte le partite sono terminate con una vittoria per i siciliani.

Per tre volte la Juve Stabia è giunta con questa denominazione al Celeste: due vittorie peloritane e una campana, giunta nel gennaio 1973 con le reti di Malaman e Pierbattista, che ribaltarono l’iniziale vantaggio messinese firmato Mammì.

Nelle stagioni 1979-1980 e 1980-1981 le ultime due sfide, vinte entrambe dal Messina. La prima 2-1 con le reti di Crusco per le vespe e di Giobbio e Santarelli per i peloritani. L’ultima sfida terminò 1-0 per i giallorossi con la rete di Pauselli.

Nella gara di andata giocata al Romeo Menti di Castellammare, la partità finì per 1-1 grazie alle reti di Giorgio Corona, indimenticato ex in Campania, e Fabio Caserta, che su punizione appena entrato firmò il pari finale. Calcio d’inizio domani al San Filippo alle 14.

Giuseppe Marino

Laureato in Giornalismo all'Università degli studi di Messina. Si occupa a tutto campo della sezione sportiva di Sicilians, con un occhio di riguardo verso il calcio nostrano. Vi racconterà di tutto e di più sull'ACR Messina e sul panorama sportivo regionale.