Sala d’Ercole, arriva la Commissione parlamentare per sburocratizzare la Sicilia

SICILIA. Sburocratizzare e monitorare. Questo il compito della Commissione parlamentare approvata oggi a sala d’Ercole secondo l’ordine del giorno del regionale del Movimento Giovanni Di Caro. La Commissione si occuperà infatti di monitoraggio dell’attuazione delle leggi, di valutazione degli effetti delle politiche per la sburocratizzazione, la delegiferazione e la semplificazione normativa. “Dall’inizio della XVII Legislatura a oggi – spiega Di Caro –  i deputati dell’Assemblea regionale siciliana, hanno depositato più di 500 disegni di legge. Buona parte di questi però non hanno mai visto la luce mentre moltissime delle leggi già presenti oltre a essere ridondanti, sono inapplicate o addirittura in conflitto tra loro. Una babele di norme e cavilli che alimentano

lungaggini burocratiche, da più parti indicate come un vero e proprio dramma per la collettività. Il Parlamento siciliano deve avviare un’attività di sburocratizzazione, delegiferazione e semplificazione normativa. Per farlo, serve una specifica commissione che valuti la fattibilità di ciascuna norma, nuova e pregressa, e la reale ricaduta sulla qualità della vita dei cittadini. Succede in molti Paesi dell’Unione europea. Se una norma è inutile, se è anacronistica o va in conflitto con altre norme, questa si cancella. In Sicilia invece abbiamo talmente tante leggi e leggine da costringere imprese, enti e cittadini a fare i salti mortali per comprenderle, applicarle e addirittura difendersi da esse. Questo elefantiaco sistema democratico che è l’ARS, dia per una volta un segnale tangibile di vicinanza ai siciliani”.

Sala dErcole magaze.it
Sala d’Ercole all’ARS