Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Rubinetti asciutti alla Evemero di Faro Superiore, anche oggi tutti a casa

AcquaLa Evemero di Faro Superiore senza acqua per la terza volta in un mese. Lezioni sospese e studenti a casa. A denunciare la gravissima situazione dell’istituto, che comprende scuola materna, elementare e media, il consigliere comunale UDC Libero Gioveni.

In una nota inviata al sindaco di Messina Renato Accorinti, agli assessori all’Edilizia scolastica e alla Pubblica Istruzione Sergio De Cola e Patrizia Panarello e al direttore generale dell’AMAM Luigi La Rosa, Gioveni sottolinea che anche “ieri, come già accaduto nelle scorse settimane in altre due occasioni, i genitori sono stati convocati d’urgenza per riprendersi i figli e riportarli a casa per l’impossibilità di utilizzare i servizi igienici nel plesso che contiene ben 10 classi di scuola elementare, 3 di scuola materna, oltre a quelle di scuola media.

Le lezioni per la scuola elementare e materna oggi sono state sospese per l’intera giornata. Riprenderanno presumibilmente domani per dare la possibilità agli addetti di effettuare una pulizia straordinaria dei servizi igienici.

Non essendo un caso isolato, è fuor di dubbio il fatto che una simile condizione risulti inaccettabile sia per i disagi de genitori, sia per le numerose ore di lezione perse”.

Da quanto accertato dall’esponente UDC, il plesso scolastico di Faro Superiore è privo di serbatoi. La carenza cronica di acqua in città, determina continui disservizi per i quali Gioveni chiede interventi immediati.

 

Francesca Duca

Ventinovenne, aspirante giornalista, docente, speaker radiofonica. Dopo una breve parentesi a Chicago, torna a preferire le acque blu dello Stretto a quelle del lago Michigan. In redazione si è aggiudicata il titolo di "Nostra signora degli ultimi" per interviste e approfondimenti su tematiche sociali che riguardano anziani, immigrati, diritti civili e dell'infanzia.Ultimamente si è cimentata in analisi politiche sulle vicende che animano i corridoi di Palazzo Zanca.